Contratto di locazione immobiliare

Qual è il modo migliore per trovare rapidamente inquilini di
qualità per un immobile in affitto?

 

contratto di locazione

Contratto di locazione case in affitto arredate  come cercare inquilini di qualita

 

In questo articolo di voglio parlare di un problema che affligge
tutti i proprietario di immobili ed e’ il seguente !! come faccio a
trovare l’inquilino  giusto per il mio immobile ? come faccio a
sapere se l’inquilino sara corretto nel pagameneto del affitto e che
non sia moroso ?  bella domanda vero ????

leggi fino in fondo questo articolo perche cerchero di darti delle
risposte e suggerimenti utili che anche tu potrai replicare ,allora
incominciamo !!

Si sa e un problema che assilla i propritari di immobili e sapere
se chi metto in casa mi paghera poi l’affitto e un problema comune
e in questi tempi per cosi dire moderni e per via anche della forte
immigrazione affligge chiunque anche il sottoscritto

quindi il
problema non e’ solo di trovare un inquilino giusto per il tuo
immobile ma che paghi e sopratutto che non crei danni al immobile
stesso anche in questo caso se sei proprietario di un immobile devi
fare una scelta o se affidarti ad un agente immobiliare oppure se
non vuoi pagare la mediazione fare da soli vediamo entrambi i casi :

contratto di locazione

 

Nel caso che ti affidi ad un agente immobiliare prima di tutto di
devi fidare e in secondo luogo lo stesso agente deve per cosi dire
scremare l’inquilino giusto e ti assicuro che anche per i
professionisti non e’ facile e quindi l’agente immobiliare devi
evitare che il futuro inquilino ti tiri il cosi detto bidone ,

-1 affidati a professionisti del settore immobiliare capaci e
conoscitori della zona dove operano e sopratutto formati non
fermarti al ragazzino appena uscito dal corso di agenti immobiliari
perche ancora deve fare esperienza e tanta anche

Qual è il modo migliore per trovare rapidamente inquilini di
qualità per un immobile in affitto?

-2 quando incontri l’agente immobiliare e descrivi prima e poi fai
visionare l’appartamento all’agente immobiliare devi essere molto
,ripeto molto preciso sulla descrizione del tuo immobile questo e
un punto fondamentale perche piu preciso sei e meno tempo perderai
con clienti poco e meno ancora interessati a prendere in affitto
il tuo locale ,ragione percui descrizione

,foto e dettagli anche i
piu insignificanti sono molto importanti da descrivere e fare
comprendere al agente immobiliare quindi l’annuncio dovra esseere
il piu preciso specifico e dettagliato possibile anche con foto di
buona qualita , ottimo sarebbe riprendere fare foto con droni anche
qui ci sono problemi di privacy e quindi non e sempre possibile

altra cosa importante ma non sottovalutare e che ( Home Staging )
mi devi scusare ma questi termini inglesi non li sopporto dicendoli
piu terra terra poi prendere in condiderazione di rivalutare il tuo
immobiliare prma di affittarlo riqualificandolo non parlo di
ristrutturazione ma di abbellimento che al occhio di un potenziale
inquilino farebbe sicuramente una buona impresione per giungere
alla trattativa finale

-3 prima ancora di affidare l’appartamento da affittare al agente
immobiliare persa a chi e che tipo di cliente potrebbe essere
ineressato il tuo immobile anche questo e un punto molto importante
perche comincerai ad avere gia una selezione della clientela ti
faccio un esempio :

e ai un monolocale da affittare sicuramnete non potra andare bene
per una famiglia composta da marito moglie e due figli giusto ?
mentre il tuo monolocale potra andare bene o per un singol e per
una coppia magari senza figli ,quello che ti dico sembra una
sciocchezza ma a questo dettaglio non ci pensa mai nessuno

Contratto di locazione case in affitto arredate  come cercare inquilini di qualita

 

-4 prendi appuntamento con l’agente immobiliare e il futuro
inquilino a scopo conoscitivo chiedi sempre referenze al
precedente proprietario fai comunque una tua piccola indagine cerca
di capire di ai difronte l’agente immobiliare ai cui ti sei
affidato potrebbe avere compilato un questionario con una serie di
domande e risposte per capire meglio le abitudini del inquilino

considera sempre il fatto che non sempre le risposte del inquilino
saranno veritiere e quindi diffida sempre da quelle persone che
sembrano perfezioniste ,precise e impeccabili nelle loro abitudini
e azioni
prima del perfezionamento del contratto definitivo bisogna appurare
alcune considerazione economiche burocratiche  importanti

Qual è il modo migliore per trovare rapidamente inquilini di
qualità per un immobile in affitto?

questo quello  che ti dico vale sia se ti affidi a un agente immobiliare
oppure vuoi fare da solo,

-5 Chiedi la cauzione che per legge (La legge 392 del 1978
disciplinante la locazione di immobili urbani, all’articolo 11
stabilisce che il deposito cauzionale può essere pari al massimo a
tre mensilità di affitto ) non puo superare le 3
mensilita’ ad esclusione delle spese nel caso che il proprietario del
immobile avesse un deposito cauzionale superiore alle 3 mensilita
secondo come stabilito per legge il contratto e

(nullo )In caso di
mancato versamento del deposito cauzionale, il locatore può
richiedere la risoluzione del contratto per inadempimento Al
termine del rapporto contrattuale, una volta che l’immobile è stato
riconsegnato, il deposito cauzionale cessa di assolvere alla
funzione di garanzia attribuitagli dalla legge e deve pertanto
essere restituito dal locatore al conduttore che lo aveva versato,
il deposito cauzionale comporta anche  un pagamento  degli interessi che
il locatore deve corrispondere al conduttore

contratto di locazione

solo se
anticipatamente pattuito ma domanda che cosa e’ una cauzione ? la
cauzione e una forma di garanzia sotoforma di denaro in deposito a
tutela del proprietario nel caso in cui l’incquilino facesse danni
al immobile stesso e per tutelare il proprietario da eventuali
inadempimenti nel pagamento mensile del canone d’affitto l’uso del
bene secondo la diligenza del buon padre di famiglia e la
restituzione alla cessazione del contratto nel medesimo stato

-6 polizza assicurativa in genere non si fa quasi mai ma e buona
norma tutelarsi e un ottimo modo e quello di stipulare con una
importante assicurazione una buona poliza assicurativa sopratutto
se si affitta un immobile gia arredato e con rifiniture pavimenti
oggetti e mobili di pregio e anche una tutela per chi possiede
animali che potrebbero fare danni aggiungo che oggi si sono anche
delle assicurazioni che fanno polize di garanzia anche per gli
affitti in sostanza se trovi un inquilino che non ti paga ci pensa
l’assicurazione ma anche in questo caso occhi aperti leggi sempre i
contratti di assicurazione e eventualmente fatti assistere da un
avvocato

-7 Riduzioni d’imposta
Questa possibilità non è in tutti i comuni, ma nel caso lo fosse
si può usufruire dello sconto sulla cedolare secca.

-8 Fideiussione
Sempre in alternativa alla cauzione, si può chiedere ad un istituto
bancario di coprire il pagamento di eventuali morosità da parte
dell’inquilino, in base alle garanzie fornite dallo stesso.

Aste giudiziarie immobiliari rimini

Aste immobiliari case in asta
Aste immobiliari case in asta

Si può acquistare una casa all’asta che ha la concessione edilizia scaduta ?

Se acquisto una casa all’asta senza la concessione edilizia
scaduta?

Aste immobiliari case in asta

In questo momento di mercato immobiliare si parla spesso di aste
immobiliari e un argomento che per i piu e oscuro o perlomeno si sa
cosa sono ma per quanto riguarda il procedimento e di aggiudicazione
di un immobile un po meno, in questo articolo ti voglio parlare di
aste immobiliari e nello specifico rispondo a una domanda specifica
e credo anche sia anche  interessante del tipo :

Ma se acquisto un immobile all’asta con la concessione edilizia
scaduta posso farlo ?

Se acquisto una casa all'asta senza la concessione edilizia scaduta?
Se acquisto una casa all’asta senza la concessione edilizia scaduta?

Aste immobiliari case in asta

prima pero di risponderti a questa domanda vediamo prima cosa sono
le aste immobiliari e come funzionano e come si stabilisce il prezzo
di una asta immobiliare ,

_il prezzo

il prezzo di base di una asta immobiliare viene stabilita con una
perizia infatti infatti il giudice per competenza incarica un CTU
( e’ un consulente d’ufficio dello stesso giudice che egli incarica
per dare una valutazione immobiliare, la stessa valutazione viene
fatta con una stima del immobile secondo le regole del libero
mercato ,

-1 Metodo del costo si determina il valore di mercato di un
immobile considerando la somma del valore del terreno su cui sorge
più quanto costerebbe ricostruirlo al nuovo, togliendo poi il
deprezzamento dovuto all’usura e alla svalutazione.

-2 Metodo del mercato si stabilisce il valore di mercato di un
immobile in base al prezzo di mercato di immobili simili. per
comparazione

-3 Metodo del reddito si stabilisce il valore di mercato di un
immobile in base al reddito ricavabile da esso

-4 se l’immobile si vende per l’intero o solamente per una quota.

Aste immobiliari case in asta

Se acquisto una casa all’asta senza la concessione edilizia
scaduta?

la stima verra poi utilizzata per il prezzo base d’sta , nella
perizia troveremo l’identificazione catastale , le planimetrie ,le
servitu’,gli eventuali vincoli di abitazione nei confronti di terzi
solitamente anziani e minori , pregi e difetti e eventuali opere di
ristrutturazione e in caso di proprieta di appartamento in
condominio saranno elencato tutti debiti accumulati dal precedente
proprietario nei confronti del condominio) dello stesso immobile che
si puo consultare on line tramite siti specializzati di aste online
o addirittura dagli stessi tribunali o presso la cancelleria del
tribunale da questo momento si possono fare delle offerte da
tenere presente che se l’asta va deserta verra successivamente
riproposta ma con un prezzo ridotto di solito dal 20 % al 25 %

Aste immobiliari case in asta

Si può acquistare una casa all’asta che ha la concessione edilizia scaduta ?

Se la casa è per esempio occupata da un inquilino moroso il nuovo
proprietario dovrà provvedere a proprie spese allo sfratto.

la convenieza di acquisto di un immobile all’asta come tu saprai e
data dal fatto che il prezzo e’ ridotto ma lo sai il perche? o
meglio perche viene proposto un immobile ad un prezzo molto
inferiore al prezzo di mercato ??

Aste immobiliari case in asta

-1 il perito spesso non visita l’immobile prossimo andare all’asta
dal interno anche perche spesso e volentieri i proprietari non gli
aprono nemmeno la porta quindi l’unica cosa che fa e un soppraluogo
del esterno del immobile

-2 chi si andra ad aggiudicare un immobile all’asta non sapra mai
se l’ immobile a dei vizi occulti difetti ,abusi edilizi,sanatorie
una descrizione dettagliata  sulle condizioni allo stato attuale del
immobile ( stato di occupazione dell’immobile (es. libero, occupato
da inquilini, comodatari, dello stesso proprietario)ecc insomma e
come comprare a scatola chiusa mentre in un libero mercato il
proprietario cedente e obbligato a segnale sia pregi che difetti
del immobile tale percui nel primo caso di assumi un bel rischio
!!!

-3 se poi ai la fortuna di aggiudicarti l’immobile il prezzo di
acquisto e’ calcolato cioe’ sul trasferimento della proprieta’ e
calcolato non sul prezzo d’acquisto ma sulla rendita catastale
essendo questo piu basso rispetto al valore di mercato

morale da non sottovalutare prezzo del immobile piu basso vero ma
rischi molto piu alti!!!!!!!

Aste immobiliari case in asta

le aste di immobili spesso sono una ottima alternativa per chi
cerca casa ma anche per chi vuole risparmiare e oltretutto ad un
prezzo di favore

le aste giudiziarie sono disposte tramite atto direttamente dal
giudice su richiesta del creditore o piu creditori e un atto che
invita il debitore a saldare i propri debiti privandolo di tutti i
diritti reale da lui posseduti appunto immobili ,case ,appartamenti
,terreni il tutto a favore di un offerente che vedendosi interessato
propone una offerta di acquisto all’asta ,in altre parole un
immobile viene messo all’asta e il migliore offerente se la
aggiudica diventato proprietario a tutti gli effetti di legge.

l’asta giudiziaria ( l’asta immobiliare ) puo essere di due tipi e
cioe con incanto e senza incanto adesso te lo spiego !!

Aste immobiliari case in asta
Aste immobiliari case in asta

Aste immobiliari case in asta

– nella asta senza incanto

in questo tipo di asta i probabili aggiudicatari presentano le loro
offerte in ( busta chiusa ) compresa una cauzione del 10 % del
prezzo che viene proposto dal possibile aggiudicatario la cauzione
non puo essere comunque inferiore del 10 % del prezzo proposto ,
una domanda sorge spontanea a che serve la cauzione del 10 % ? e’
un regolamento stabilito dal legislatore tutto qui In proposito
l’art. 571 cpc, secondo comma prevede, a pena di inefficacia, che
l’offerta di acquisto debba essere corredata dalla cauzione, che
deve essere versata in misura non inferiore al decimo del prezzo
offerto, — Questa regola è ancora valida per tutte le aste per le
quali è già stata disposta la vendita prima del 20 agosto 2015.

Questo vuole dire che il prezzo stabilito nell’ordinanza di vendita
è quello minimo che un eventuale interessato all’acquisto deve
offrire per sperare di vedere accolta la propria domanda,– Per
tutte le aste disposte al partire dal 20 agosto 2015 (relative
anche a procedure dichiarate precedentemente) la novità introdotta
nell’art. 571 c.p.c. in tema di offerta, riguarda la possibilità di
offrire un prezzo inferiore (fino ad un quarto) al prezzo stabilito
nell’ordinanza di vendita e tale offerta viene dichiarata
inefficace solo se è inferiore di oltre un quarto al prezzo
stabilito nell’ordinanza, In genere il giudice stabilisce che si
proceda senza incanto e fissa un termine non inferiore a 90 giorni
e non superiore a 120 giorni entro il quale eventuali interessati
potranno presentare le offerte di acquisto .

Aste immobiliari case in asta

ste immobiliari case in astaSi può acquistare una casa all’asta che ha la concessione edilizia scaduta ?

il versamento della cauzione può avvenire, oltre che a mezzo
assegno, anche con sistemi telematici di pagamento ovvero con carte
di debito, di credito o prepagate o con altri mezzi di pagamento
disponibili nei circuiti bancario e postale, nonché mediante
fideiussione , ma se offerte sono piu di una come spesso succede
allora non vince l’offerta piu alta ,a si fissa una base basta e
l’offerta piu alta viene aggiudicata ai partecipante che offre di
piu.

– nella asta con incanto
in sostanza e una asta pubblica che i l giudice indice in genere si
svolge dopo che quella senza incanto è andata deserta. La gara è
conclusa nel momento in cui siano trascorsi almeno tre minuti
dall’ultima offerta, senza che nessuno abbia rilanciato il prezzo.
In questo caso, la cauzione è stabilita dal giudice nell’ordinanza
di vendita e non è superiore al 10% del prezzo

Aste immobiliari case in asta

nelle vendite giudiziarie ( immobilari) posso partecipare tutti ma
non il debitore e non e necessaria la presenza di un professionista
o un avvocato Le offerte possono essere fatte personalmente o
tramite mandatario munito di procura speciale. Acquistare tramite
aste immobiliari conviene e non si Non si pagano quindi oneri
notarili o di mediazione unica condizione e che il saldo del prezzo
del immobile aggiudicato di rispettare è il saldo del prezzo che
deve essere effettuato solitamente da un minimo di 60 ad un massimo
di 120 giorni.

appena ce’ il saldo del prezzo il giudice trasferisce la proprietà
all’acquirente con decreto di trasferimento e il Tribunale provvede
a trascrivere nei registri immobiliari. Le aste prevedono anche la
cancellazione di ipoteche e pignoramenti, se presenti.

quando un immobile va all’asta il giudice stabilisce un tempo
compreso tra i 90 e i 120 giorni, all’interno del quale possono
essere proposte le offerte d’acquisto, inoltre definisce anche le
modalità per prestare la cauzione e il giorno successivo alla
scadenza del termine viene fissata l’udienza per la decisione
sull’offerta e per la gara tra gli offerenti. In seguito è la
Cancelleria a pubblicare l’avviso dell’ordine di vendita sia sui
quotidiani sia su siti web dedicati.

nelle aste con incanto è possibile effettuare altre offerte nei 10%
giorni successivi al momento in cui l’immobile è stato aggiudicato
ad un acquirente.In questo caso però le offerte devono superare di
un quinto il prezzo raggiunto nell’incanto e la cauzione dovrà
essere il doppio di quella richiesta per la partecipazione alla
prima asta.

Aste immobiliari case in asta

Alla nuova asta partecipano l’aggiudicatario, i nuovi offerenti e
gli offerenti che hanno partecipato alla prima asta, che hanno però
integrato la nuova cauzione, raddoppiando quella vecchia, entro il
termine fissato dal giudice.

Se poi alla gara non si presentano i nuovi offerenti, l’acquirente
già designato diviene definitivo. L’aggiudicatario dovrà quindi
saldare il prezzo, entro il termine fissato, che non potrà essere
superiore ai 60 giorni dal termine delle gare.

Chi acquista all’asta deve poter disporre subito di tutta la cifra
richiesta oppure farsi rilasciare un mutuo, magari da una banca
convenzionata con i tribunali. Una volta acquistato il bene, il
giudice delle esecuzioni lo trasferirà con decreto al nuovo
proprietario.

infatti grazie a accordi interbancari e l’associazione bancaria
italiana e possibile davvero fare ottimi affari e richiedere mutui
anche molto agevolati che vengono erogati da istituti convenzionati
con i tribunali dei quali si possono ottenere dei finanziamenti
fino al 80 % del prezzo del valore di stima del immobile o del
prezzo di aggiudicazione se inferiore al prezzo di stima una
eventuale concessione di mutuo avviene in maniera contestuale alla
aggiudicazione del immobile .

Si può acquistare una casa all’asta che ha la concessione edilizia
scaduta? 

Aste immobiliari case in asta

acquistare una casa all’asta e sicuramente un buona occasione ma e’
sempre opportuno fare delle verifiche ,come tiho gia detto alcuni
dettagli del immobile che ti interessa li ricavi dalla perizia
dettaglio importanti che e sempre bene che tu ponga la giusta
attenzione prima che tu faccia la tua offerta.

-verifica che la quota di proprieta del immobile sia per il totale
e cioe al 100 % quindi controlla che non ci sono altri proprietari
che anno delle quote sul lo stesso immobile.

– dal punto di vista urbanistico verifica sempre prima in anticipo
che che l’immobile sia conforme ai legge e regolamenti vigenti e
cerca sempre di capire magari con l’aiuto di un valido
professionista eventuali abusi edilizi e se ce la eventuale
possibilita’ di poterli sanare inoltre verifica sempre che
l’immobiliare sia catastalmente conforme attento anche ai vincoli e
servitu e eventuali debiti del proprietario verso terzi .

se poi la casa all’asta che ti interessa era in fase di costruzione
,devi fare attenzione in particolare al permesso di costruire
rilasciato dal comune la la costruzione dello stesso e la sua
validita nel tempo stabilito dallo stesso comune con apposita
autorizzazione ,

Aste immobiliari case in asta

le case che spesso non in fase di costruzione e
per motivi economici sono finite all’asta derivavo spesso da
imprese edili infatti queste ditte costruttrici anno presentato
dei progetti e permessi per costruire al comune e in seguito anno
ottenuto il titolo ( abitativo ) ma in seguito sono fallite prima
di aver potato a termine il progetto esecutivo di edilizia.verifica
sempre che la costruzione si eseguita a regola d’arte ma piu
importante che sia conforme al progetto precedentemente presentato
in comune,è importante controllare la data di scadenza del
permesso di costruire rilasciato.

e importante perche il titolo abitativo( I titoli abilitativi
delle trasformazioni urbanistiche o edilizie sono costituiti: a)
dal permesso di costruire; b) dalla segnalazione certificata di
inizio attività edilizia (SCIA edilizia) e dalla comunicazione di
varianti in corso d’opera; … Intervento soggetto a SCIA (articolo
61 legge regionale 11/1998) o meglio il permesso di costruzione
anno dei limiti di tempo di validita e pertanto in caso di acquisto
all’asta si possono delineare diversi scenari in base al fatto che
il permesso di costruire sia scaduto o meno.

Aste immobiliari case in asta

Quando un Comune rilascia un permesso di costruire, sul documento
sono indicati i termini di inizio e di ultimazione dei lavori.

Il Testo Unico in materia edilizia (D.P.R. 380/2001) definisce i
termini in modo chiaro.

( D.P.R 380 /2001 aggiornamento 2019 )

D.P.R. 380/2001 – Testo unico edilizia – Aggiornamento 2019
1. Il presente testo unico contiene i principi fondamentali e
generali e le disposizioni per la disciplina dell’attività
edilizia.

2. Restano ferme le disposizioni in materia di tutela dei beni
culturali e ambientali contenute nel decreto legislativo 29 ottobre
1999, n. 490, la normativa di tutela dell’assetto idrogeologico e
le altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina
dell’attività edilizia.

3. Sono fatte salve altresì le disposizioni di cui agli articoli 24
e 25 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n.112, ed alle relative
norme di attuazione, in materia di realizzazione, ampliamento,
ristrutturazione e riconversione di impianti produttivi.

Aggiornato alla Legge n. 55/2019 di conversione del dl 32/2019
(Legge Sblocca cantieri)

Parte I ATTIVITÀ EDILIZIA
Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI
Capo I Attività edilizia

Art. 1 (L) Ambito di applicazione
Art. 2 (L) Competenze delle regioni e degli enti locali
Art. 2-bis. (L) Deroghe in materia di limiti di distanza tra
fabbricati
Art. 3 (L) Definizioni degli interventi edilizi
Art. 3-bis. Interventi di conservazione
Art. 4 (L) Regolamenti edilizi comunali
Art. 5 (R) Sportello unico per l’edilizia

Titolo II TITOLI ABILITATIVI
Capo I Disposizioni generali

Art. 6 (L) Attività edilizia libera
Art. 6 bis. Interventi subordinati a comunicazione di inizio lavori
asseverata
Art. 7 (L) Attività edilizia delle pubbliche amministrazioni
Art. 8 (L) Attività edilizia dei privati su aree demaniali
Art. 9 (L) Attività edilizia in assenza di pianificazione
urbanistica
Art. 9-bis Documentazione amministrativa

Aste immobiliari case in asta

Capo II Permesso di costruire
Sezione I Nozione e caratteristiche

Art. 10 (L) Interventi subordinati a permesso di costruire
Art. 11 (L) Caratteristiche del permesso di costruire
Art. 12 (L) Presupposti per il rilascio del permesso di costruire
Art. 13 (L) Competenza al rilascio del permesso di costruire
Art. 14 (L) Permesso di costruire in deroga agli strumenti
urbanistici
Art. 15 (R) Efficacia temporale e decadenza del permesso di
costruire

Sezione II Contributo di costruzione

Art. 16 (L) Contributo per il rilascio del permesso di costruire
Art. 17 (L) Riduzione o esonero dal contributo di costruzione
Art. 18 (L) Convenzione-tipo
Art. 19 (L) Contributo di costruzione per opere o impianti non
destinati alla residenza

Sezione III Procedimento

Art. 20 (R) Procedimento per il rilascio del permesso di costruire
Art. 21 (R) Intervento sostitutivo regionale

Capo III Segnalazione certificata di inizio di attività

Art. 22 (L) Interventi subordinati a segnalazione certificata di
inizio attività
Art. 23 Interventi subordinati a segnalazione certificata di inizio
attività in alternativa al permesso di costruire
Art. 23-bis Autorizzazioni preliminari alla segnalazione
certificata di inizio attività e alla comunicazione dell’inizio dei
lavori
Art. 23-ter Mutamento d’uso urbanisticamente rilevante

Titolo III AGIBILITÀ DEGLI EDIFICI
Capo I Certificato di agibilità

Art. 24 (L) Agibilità
Art. 25 (R) Procedimento di rilascio del certificato di agibilità
Art. 26 (L) Dichiarazione di inagibilità

Titolo IV VIGILANZA SULL’ATTIVITÀ URBANISTICO EDILIZIA,
RESPONSABILITÀ E SANZ.
Capo I Vigilanza sull’attività urbanistico-edilizia e
responsabilità

Art. 27 (L) Vigilanza sull’attività urbanistico-edilizia
Art. 28 (L) Vigilanza su opere di amministrazioni statali
Art. 28-bis. Permesso di costruire convenzionato)
Art. 29 (L) Responsabilità del titolare del permesso di costruire,
del committente, del costruttore e del direttore dei lavori, nonché
anche del progettista per le opere subordinate a segnalazione
certificata di inizio attività

Si può acquistare una casa all’asta che ha la concessione edilizia
scaduta?

Capo II Sanzioni

Art. 30 (L) Lottizzazione abusiva
Art. 31 (L) Interventi eseguiti in assenza di permesso di
costruire, in totale difformità o con variazioni essenziali
Art. 32 (L) Determinazione delle variazioni essenziali
Art. 33 (L) Interventi di ristrutturazione edilizia in assenza di
permesso di costruire o in totale difformità
Art. 34 (L) Interventi eseguiti in parziale difformità dal permesso
di costruire
Art. 35 (L) Interventi abusivi realizzati su suoli di proprietà
dello Stato o di enti pubblici
Art. 36 (L) Accertamento di conformità
Art. 37 (L) Interventi eseguiti in assenza o in difformità dalla
segnalazione certificata di inizio attività e accertamento di
conformità

Art. 38 (L) Interventi eseguiti in base a permesso annullato
Art. 39 (L) Annullamento del permesso di costruire da parte della
regione
Art. 40 (L) Sospensione o demolizione di interventi abusivi da
parte della regione
Art. 41 (L)Demolizione di opere abusive
Art. 42 (L) Ritardato od omesso versamento del contributo di
costruzione
Art. 43 (L) Riscossione
Art. 44 (L) Sanzioni penali
Art. 45 (L) Norme relative all’azione penale
Art. 46 (L) Nullità degli atti giuridici relativi ad edifici la cui
costruzione abusiva sia iniziata dopo il 17 marzo 1985
Art. 47 (L) Sanzioni a carico dei notai
Art. 48 (L) Aziende erogatrici di servizi pubblici

Capo III Disposizioni fiscali

Art. 49 (L) Disposizioni fiscali (legge 17 agosto 1942, n. 1150,
art. 41-ter)
Art. 50 (L) Agevolazioni tributarie in caso di sanatoria (legge 28
febbraio 1985, n. 47, art. 46)
Art. 51 (L) Finanziamenti pubblici e sanatoria

Aste immobiliari case in asta

Parte II NORMATIVA TECNICA PER L’EDILIZIA
Capo I Disposizioni di carattere generale

Art. 52 (L) Tipo di strutture e norme tecniche
Art. 53 (L) Definizioni
Art. 54 (L) Sistemi costruttivi
Art. 55 (L) Edifici in muratura
Art. 56 (L) Edifici con struttura a pannelli portanti
Art. 57 (L) Edifici con strutture intelaiate
Art. 58 (L) Produzione in serie in stabilimenti di manufatti in
conglomerato normale e precompresso e di manufatti complessi in
metallo

Art. 59 (L) Laboratori
Art. 60 (L) Emanazione di norme tecniche
Art. 61 (L) Abitati da consolidare
Art. 62 (L) Utilizzazione di edifici
Art. 63 (L) Opere pubbliche

Capo II Disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato,
normale e precompresso ed a struttura metallica
Sezione I Adempimenti

Art. 64 (L) Progettazione, direzione, esecuzione, responsabilità
Art. 65 (R) Denuncia dei lavori di realizzazione e relazione a
struttura ultimata di opere di conglomerato cementizio armato,
normale e precompresso ed a struttura metallica
Art. 66 (L) Documenti in cantiere
Art. 67 (L, comma 1, 2, 4 e 8; R, i commi 3, 5, 6 e 7) Collaudo
statico

Aste immobiliari case in asta

Sezione II Vigilanza

Art. 68 (L) Controlli
Art. 69 (L) Accertamenti delle violazioni
Art. 70 (L) Sospensione dei lavori

Sezione III Norme penali

Art. 71 (L) Lavori abusivi
Art. 72 (L) Omessa denuncia dei lavori
Art. 73 (L) Responsabilità del direttore dei lavori
Art. 74 (L) Responsabilità del collaudatore
Art. 75 (L) Mancanza del certificato di collaudo
Art. 76 (L) Comunicazione della sentenza

Capo III Disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione
delle barriere architettoniche negli edifici privati, pubblici e
privati aperti al pubblico
Sezione I Eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici
privati

Art. 77 (L) Progettazione di nuovi edifici e ristrutturazione di
interi edifici
Art. 78 (L) Deliberazioni sull’eliminazione delle barriere
architettoniche
Art. 79 (L) Opere finalizzate all’eliminazione delle barriere
architettoniche realizzate in deroga ai regolamenti edilizi
Art. 80 (L)Rispetto delle norme antisismiche, antincendio e di
prevenzione degli infortuni
Art. 81 (L) Certificazioni

Sezione II Eliminazione o superamento delle barriere
architettoniche negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico

Art. 82 (L) Eliminazione o superamento delle barriere
architettoniche negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico

Capo IV Provvedimenti per le costruzioni con particolari
prescrizioni per le zone sismiche
Sezione I Norme per le costruzioni in zone sismiche

Art. 83 (L) Opere disciplinate e gradi di sismicità
Art. 84 (L) Contenuto delle norme tecniche
Art. 85 (L) Azioni sismiche
Art. 86 (L) Verifica delle strutture
Art. 87 (L) Verifica delle fondazioni
Art. 88 (L) Deroghe
Art. 89 (L) Parere sugli strumenti urbanistici
Art. 90 (L) Sopraelevazioni
Art. 91 (L) Riparazioni
Art. 92 (L) Edifici di speciale importanza artistica

Sezione II Vigilanza Sulle Costruzioni In Zone Sismiche

Si può acquistare una casa all’asta che ha la concessione edilizia
scaduta?

Art. 93 (R) Denuncia dei lavori e presentazione dei progetti di
costruzioni in zone sismiche
Art. 94 (L) Autorizzazione per l’inizio dei lavori

Sezione III Repressione delle violazioni

Art. 95 (L) Sanzioni penali
Art. 96 (L) Accertamento delle violazioni
Art. 97 (L) Sospensione dei lavori
Art. 98 (L) Procedimento penale
Art. 99 (L) Esecuzione d’ufficio
Art. 100 (L) Competenza della Regione
Art. 101 (L) Comunicazione del provvedimento al competente ufficio
tecnico della regione
Art. 102 (L) Modalità per l’esecuzione d’ufficio
Art. 103 (L) Vigilanza per l’osservanza delle norme tecniche

Sezione IV Disposizioni finali

Art. 104 (L) Costruzioni in corso in zone sismiche di nuova
classificazione
Art. 105 (L) Costruzioni eseguite col sussidio dello Stato
Art. 106 (L) Esenzione per le opere eseguite dal genio militare

Capo V Norme per la sicurezza degli impianti

Capo VI Norme per il contenimento del consumo di energia negli
edifici

Aste immobiliari case in asta

Art. 122 (L) Ambito di applicazione
Art. 123 (L) Progettazione, messa in opera ed esercizio di edifici
e di impianti
Art. 124 (L) Limiti ai consumi di energia
Art. 125 (L – R, commi 1 e 3) Denuncia dei lavori, relazione
tecnica e progettazione degli impianti e delle opere relativi alle
fonti rinnovabili di energia, al risparmio e all’uso razionale
dell’energia
Art. 126 (R) Certificazione di impianti
Art. 127 (R) Certificazione delle opere e collaudo
Art. 128 (L) Certificazione energetica degli edifici
Art. 129 (L) Esercizio e manutenzione degli impianti
Art. 130 (L) Certificazioni e informazioni ai consumatori
Art. 131 (L)Controlli e verifiche
Art. 132 (L) Sanzioni
Art. 133 (L) Provvedimenti di sospensione dei lavori
Art. 134 (L) Irregolarità rilevate dall’acquirente o dal conduttore
Art. 135 (L) Applicazione
Art. 135-bis. Norme per l’infrastrutturazione digitale degli
edifici

Parte III DISPOSIZIONI FINALI
Capo I Disposizioni finali

Art. 136 (L, commi 1 e 2, lettere a), b), c), d), e), f), g), h),
i), l) – R comma 2, lettera m) Abrogazioni
Art. 137 (L) Norme che rimangono in vigore
Art. 138 (L) Entrata in vigore del testo unico

(TOSTO VEROOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!)

Aste immobiliari case in asta

inizio del cantiere per l’esecuzione delle opere non puo’ essere superiore ad un 1 anno del rilascio del titolo abitativo e quello fine lavori non superiore a 3 anni dal inizio del cantiere,

alle scadere dei termini il permesso decade per la parte non eseguita a me che non si chieda una proroga ma sempre prima della scadenza del permesso di costruire ma sottolineare che la proroga puo essere concessa solo per motivi veri e motivati insomma seri per esempio per eventi sopravvenuti non dipendenti dalla volota del titolare oppure considerando anche la grandezza dell’opera edilizia da realizzare,

I medesimi termini sono previsti anche per altre pratiche edilizie, come ad esempio la DIA (Denuncia di Inizio Attività).
nel caso di lavori non ancora ultilati macon la concessione scaduta,possono essere soggette ad una nuova autorizzazione per il proseguo dei lavori non ancora ultimati e per le opere inserite nel
(opere individuate nel Testo Unico in materia edilizia, il D.P.R. 380/2001, al Capo III).

Quando una casa e acquistata all’asta possiede un permesso di costruire non ancora scaduto e si desidera completare l’opera rispettando il progetto iniziale, è possibile riprendere i lavori senza redigere nuove pratiche edilizie,anche quando le previsioni urbanistiche e le norme locali siano nel frattempo cambiate.

li atti aventi per oggetto trasferimento o costituzione o scioglimento della comunione di diritti reali relativi ad edifici, sono nulli e non possono essere venduti  e ne trasferiti e non possono essere stipulati ove da essi non risultino, per dichiarazione del venditore gli estremi del permesso di costruire o del permesso in sanatoria, come specificato nel DPR 380/2001 (Sanatoria per immobili da asta giudiziaria).

Si può acquistare una casa all’asta che ha la concessione edilizia
scaduta?

Quindi gli immobili abusivi realizzati senza concessione edilizia non possono essere venduti oppure donati, e qualora fosse stato eseguito un atto di rogito, la suddetta compravendita risulterebbe annullata.

la nullità non si applica agli atti derivanti da procedure esecutive immobiliari giudiziarie qualora l’immobile si trovi nelle condizioni previste per il rilascio del permesso di costruire in sanatoria, dovrà presentare domanda di permesso in sanatoria entro centoventi giorni dalla notifica del decreto emesso dall’autorità giudiziaria.

La concessione in sanatoria è possibile per costruzioni in queste condizioni:
– senza licenza edilizia ovvero in difformità dalla stessa;
– con autorizzazione annullata, decaduta o comunque divenuta inefficace, ovvero nei cui confronti sia in corso procedimento di annullamento o di declaratoria di decadenza in sede giudiziaria o amministrativa;
– nelle aree sottoposte a vincolo, la concessione in sanatoria è subordinata al parere favorevole delle amministrazioni preposte alla tutela del vincolo stesso.

inoltre
alle vendite esecutive immobiliari non si applicano le norme contenute nel Testo unico in materia edilizia, in base alle quali sono vietati gli atti di trasferimento degli immobili realizzati senza permesso di costruire o senza permesso in sanatoria; ed infatti, in virtù del combinato disposto dagli artt. 46, comma 5, del d.P.R. n. 380 del 6 giugno 2001 e 40, comma 6, della legge n. 47 del 28 febbraio 1985, nel caso in cui gli abusi possano essere sanati, l’aggiudicatario è rimesso nei termini per la presentazione della domanda di concessione in sanatoria.

penso di averti risposto ci sentiamo alle prossime

ultima cosa non meno importante non fare da solo affidati a professioni del settore con questo e tutto .

Immobiliare affitti come valutare un appartamento da affittare

immobiliare affitti valutazione immobile
immobiliare affitti valutazione immobile

Quali sono gli elementi da tenere in considerazione, a cui spesso non si
pensa, quando si visita un appartamento da affittare?

immobiliare affitti valutazione immobile

cosa valutare quanto si visita un appartamento da affittare ?

Lo so quando si  cerca un appartamento  da affittare non e’ sempre facile il
piu delle volte si va per passa parola altre per conoscenze sporadiche
oppure si chiede a qualche amico del bar se eventualmente conosce nessuno che
affitti un appartamento ,la ricerca sembra facile ma in realta’ e un vero e proprio lavoro  “lavoro” , infine ci si rivolge alle agenzie immobiliari dove spesse volte
ti danno consigli patteggiando  piu per chi affitta e non per chi cerca un
affitto , in sostanza non e’ facile trovare un appartamento da affittare ,quindi
oggi voglio aiutarti per capire meglio e cosa considerare quando si cerca un
appartamento in affitto e gli errori che sono da evitare,bene
giusto un piccolo appunto e non mi voglio soffermare troppo ma e doveroso la
crisi economica “ha ammazzato l’immobiliare”

immobiliare affitti valutazione immobile

cosa valutare quanto si visita un appartamento da affittare ?

 

sopratutto sulle compravendite
cio percui si e’ favorito un incremento delgli affitti in primo luogo sulla
domanda e in secondo sui prezzi di mercato facendoli lievitare notevolmente
,inoltre nelle citta la popolazione continua aumentare  anche dovuta alla notevole immigrazione straniera e quindi la domanda
di affittanze, quando si cerca una casa o appartamento da affittare occorre avere le idee
molto chiare primo per evitare di perdere tempo non solo ai noi stessi ma
anche ai nostri interlocutori quindi ci si deve dare delle regole ben
precise su cosa cerchiamo che tipo di tipologia di immobile, appartamento, ,casa ecc e inoltre  e bene crearsi una sorta di mappa mentale sui costi che
possiamo permettere di affrontare e che dovremo poi sostenere mi riferisco
anche agli imprevisti che fidati ci sono sempre ,

quindi ti voglio aiutare con dei consigli utili che devi tenere in
considerazione quando cerchi un appartamento da affittare e che rispecchi
sopratutto le tue esigenze personali

immobiliare affitti valutazione immobile

cosa valutare quanto si visita un appartamento da affittare ?

a/ IL PREZZO
Ti sembrera’ stupido ma e’ il punto di partenza , il prezzo stabilisce gia a
priori una scrematura della casa che cerchiamo in affitto non solo ti auta
poi meglio a capire le spese future che ci sono e sopratutto se te le puoi
permettere.

“””””I protagonisti del contratto di locazione (che dovrebbe sempre essere
chiamato così perché l’affitto, nel Codice civile, è un contratto che
riguarda i terreni) sono comunemente chiamati proprietario e inquilino. Ma
giuridicamente i loro nomi sono, rispettivamente,locatore e conduttore (o
anche locatario). Il locatore è chi concede in locazione l’immobile e il
conduttore è colui che lo riceve e che lo “conduce”, appunto, in locazione.

immobiliare affitti valutazione immobile

cosa valutare quanto si visita un appartamento da affittare ?

 

Il contratto che viene sottoscritto tra le parti è un contratto di locazione
ed è soggetto a obbligo di registrazione (anche se la cedolare assorbe la
relativa imposta di registro) presso l’agenzia delle Entrate””””””””

immobiliare affitti valutazione immobile
immobiliare affitti valutazione immobile

 

onde evitare in futuro spiacevo inconvenienti con il proprietario di casa (il
locatore )

quindi il prezzo e’ la prima regola fatti un promemoria magari scriviti su
un pezzo di carta le tue spese fisse ,quando guadagni i costi personali ,es
rata della macchina ,bollo ,assicurazione, manutenzione ,eventuali visite
mediche specialistiche a pagamento , tutto cio che ai di costi fissi ,ma
senza trascurare anche gli imprevisti che ti posso succedere quando meno te
lo aspetti ,la rottura del telefonio ,il meccanico , un aumento della della
assicurazione ecc ecc

cosa valutare quanto si visita un appartamento da affittare ?

immobiliare affitti valutazione immobile

inoltre chiedi pure anche a diverse agenzie immobiliari sempre avendo le
idee ben chiare su che tipo di appartamento cerchi in affitto es , la zona
,i mq , valuta se ci sono i servizi piu vicini( supermercati ,ospedali
,fermate del autobus ,negozi ,parchi pubblici ,ospedale ecc)

,orientamento (nord ,sud,
est,ovest) tutte queste valutazioni che ti propongo sono comunque rapportate
alle tue esigenze personali e di vita e anche in bae ai tuoi progetti futuri
,per esigenze personali mi riferisco ad esempio e sei singol , oppure siete
una giovane coppia altro ancora una coppia piu matura con figli questi sono
aspetti importanti ma il piu’ delle volte trascurati , se cerchi casa in una
grande citta italiana valuta bene piu di una volta la zona ,

il quartiere ,
e facile rendersi conto il piu delle volte se in quel quartiere o via o
viale lo stile di vita della gente e che tipo di gente ce’ se ai l’occhio un
po clinico lo capisci subito.

A questo punto una volta che ai le idee chiare su dove cercare un
appartamneto da affittare ,la spesa da affrontare ,la zona , sei gia a buon
punto , ancora ce’ del lavoro da fare vediamolo assieme ,
ora ti trovo in un bivio domanda cerco da solo tipo fai da te ? o mi rivolgo
a diverse agenzie ?

Quali sono gli elementi da tenere in considerazione, a cui spesso non si
pensa, quando si visita un appartamento da affittare?

b/ agenzie immobiliari

ti rispondo dipende ,sai perche ? a volte le agenzie oltre che chiederti la
mediazione sono inclini a proporti soluzioni che non avevi in mente oppure
soluzioni che sono diverse da quel famoso “ordine di idee” che ti avevo
detto al inizio del articolo mettendoti in difficolta e creandoti confusione
,quindi non farti incantare si deciso su quello che cerchi e se ti
propongono soluzioni non adatte alle tue esigenze famigliari rifiuta e
continua a cercare
per quanto riguarda le agenzie immobiliari ce ne sono tantissime si stima che
in italia sono 73 mila gli agenti d’affari in mediazione che si offrono sul mercato
per far acquistare o vendere immobili.

cosa valutare quanto si visita un appartamento da affittare ?

Le agenzie con vetrina “ su strada”
sono 36 mila e solo 7 mila fanno parte dei franchising immobiliari quindi
altro consiglio ma a volte trascurato affidati di agenzie immobiliari serie
perche a volte anzi piuttosto spesso succede che l’agenzia immobiliare
pubblicizzi un appartamento da affittare che non e’ quello che poi
andandolo a vedere non era quello che cercavamo

oppure la stessa agenzia ti
propone una zona o quantiere diversa da quella che cercavi facendoti perdere
solo tempo questo da parte delle agenzie e solo mancanza di professionalita’
inoltre per quanto riguarda le agenzie immobiliari verifica sempre da chi a
gia avuto esperienza con queste ,

ti posso essere di auto le recensioni arma
sempre a doppio taglio ma utile a capire con chi ai a che fare non farti
prendere dalla euforia psicologiaca del momneto ragiona a mente fredda e
valuta sono loro che anno bisogno di te mentre tu poi cercare altrove
prenditi il tuo tempo pensaci e rifletti con attenzione.

ma se non voglio rivolgermi alle agenzie immobiliari e voglio fare da solo ?

Quali sono gli elementi da tenere in considerazione, a cui spesso non si
pensa, quando si visita un appartamento da affittare?

immobiliare affitti valutazione immobile

per prima cosa risparmi sulla mediazione che devi dare alla agenzia
immobiliare ma questo non vuole dire risparmiare anzi
perche si tratta di trovare  un appartamento in affitto diventa difficile, un vero lavoro ,

quindi che si fa’ ?

andiamo per ordine il passa parola si chiede al vicino
amico di famiglia ,a qualche amico del bar ,oppure internet questo
fantastico mondo chiuso in un monitor dove si trova di tutto ,ma anche in
questo caso bisogna saper cercare ,e stare attenti perche truffe non sempre in agguato ,

allora come si fa ?

affidati a siti sicuri per
autorita’ e serieta’ verifica  sempre che l’immobile sia come pubblicizzato
e non preso da altri siti internet e poi postati magari su facebook con
altri fantomatici proprietari i che poi non sono, insomma stai attento alle
truffe.

.inoltre verifica sempre che dietro al annuncio di tuo interesse ci
sia il proprietario (vero ) se riscontri che il proprietario del immobile che ti
interessa e un amico del amico e si giustifica perche il vero proprietario  non e’ potuto venire
al appuntamento  perche  questo era impegnato lascia perdere saluta e
vattene ce’ dietro una truffa ,

quindi accertati che dietro al annuncio ci
sia il vero proprietario contattalo fai domande e non avere paura di
chiedere perche ti senti inferiore della situazione chiedi sempre fa domande
anche perche il proprietario  che mette un annuncio sui internet o su portali
deve certificare che lui in persona e responsabile  di quello che pubblica,

immobiliare affitti valutazione immobile

immobiliare affitti valutazione immobile
immobiliare affitti valutazione immobile

c/ le visite

quando certo un appartamento o una casa ragiona come ho gia detto pensando
con attenzione senza farti prendere dalla nuova opportunita di una nuova
casa il primo incontro con il proprietario sicuramente sara felice di
presentarti la sua casa o appartamento che sia ma guarda con attenzione cosa
? te lo dico io !!

immobiliare affitti valutazione immobile
immobiliare affitti valutazione immobile

immobiliare affitti valutazione immobile

1/ lo stato del appartamneto, la conservazione vera e propria osserva i
bagni e la cucina perche i grassi e la umidita fanno il loro lavoro creando
muffe e a volte non proprio facili da debellare ma cosa provocano le muffe
sopratuto sul soffitto e sulle pareti te lo dico io ! la muffa sulle pareti
e sul soffitto in ambienti chiusi e carcerogena e porta danni di salute e te
se ai problemi di salute e ai bambini quindi la muffa pericolosa e

carcerogena percui togliere la muffa da casa e importante anzi da farsi
subito inoltre oltre che essere brutto da vedere con queste macchie e di
cattivo odore sono nocive sopratutto alle vie respiratorie e allergie ,ma
che cavolo e’ la muffa ?

cosa valutare quanto si visita un appartamento da affittare ?
cosa valutare quanto si visita un appartamento da affittare ?

la muffa e un fungo niente di piu di solito
prolifica  in ambienti umidi  con poca luce e poco areati troviamo sulle
pareti al soffitto nei scantinati e garage e dovuto a un forte sbalzo
termico fra un ambiente caldo e uno freddo,

quindi la eccessiva umidita che
non riuscendo uscire da una superficie  fredda della parete entra in
contatto con l’aria calda provoca condensa e di conseguenza la muffa
gli iambienti che sono soggetti a muffe sono quelli dove ce’ una alta
concentrazione di uminitia con temperature dei locali fra i 13 e i 17 gradi,

cosa valutare quanto si visita un appartamento da affittare ?
cosa valutare quanto si visita un appartamento da affittare ?

Quali sono gli elementi da tenere in considerazione, a cui spesso non si
pensa, quando si visita un appartamento da affittare?

immobiliare affitti valutazione immobile

provocando condensa sulle pareti sui pavimenti e finestre ceh appaiono
sempre bagnati molto spesso sui angoli alcuni sintomi eccoli ,dolori
muscolari ,allergie naso chiuso raffreddore ,febbre ,lacrimazione ,tosse
,prurito e dermatite ti basta !! quindi a parte gli scherzi la muffa e’
pericolosa bene , quindi sono costi di intervento e di ristrutturazione con
opere straordinarie e ti assicuro costose .

quindi prendi tempo osserva con attenzione e medita non avere paura o timore
di rivedere eventualmente l’appartamento che ti interessa se noti insofferenza
da parte del proprietario cerca altro in fondo tu paghi per andarci a vivere
e progettare il tuo futuro con la tua famiglia e i tuoi cari .Se
l’appartamento è arredato, controlla che funzionino gli elettrodomestici
come la lavatrice, il frigorifero e la lavastoviglie.

cosa valutare quanto si visita un appartamento da affittare ?

immobiliare affitti valutazione immobile

2/ le certificazioni tecniche

– certificazione del impianto elettrico
si tratta di un certificato che attesta che l’impianto e’ certificato e
quindi conforme e riguarda  sia il residenza le il commerciale secondo la
Decreto ministeriale 37/2008, evoluzione della Legge 46/90.Tale certificato
viene rilasciato dall’inpresa che installa l’impianto presso un nuovo
edificio o che provvede a modificarlo in fabbricati preesistenti.

La
certificazione per impianto elettrico a norma va redatta in triplice copia e
deve obbligatoriamente rispettare una serie di parametri.garantisce il
rispetto delle norme di sicurezza stabilite dal Decreto ministeriale
37/2008, riguardanti la loro installazione sia presso strutture private che
aziendali.

Va rilasciato obbligatoriamente dai tecnici che eseguono il
lavoro, qualunque sia la tipologia di impianto elettrico interessata. E’
infatti obbligatoria anche per impianti di cancelli e porte automatici, di
climatizzazione e riscaldamento, impianti sanitari, scale mobili, montascale
e ascensori, impianti del gas e sistemi antincendio.lo sapevi ??

Quali sono gli elementi da tenere in considerazione, a cui spesso non si
pensa, quando si visita un appartamento da affittare?

immobiliare affitti valutazione immobile

– ape attestato di prestazione energetica

-libretto della caldaia e collaudo

-certificazione del impianto idraulico residenziale

Viene rilasciato da un’impresa abilitata. Attraverso questo documento, si
certifica che il tutto è stato realizzato seguendo le normative in vigore e
le prescrizioni di legge.
le imprese edili possono rilasciarlo, ma solo quando ottengono
l’abilitazione.

Ciò avviene quando il legale rappresentante dell’impresa,
oppure il responsabile tecnico ne fa richiesta e dimostra il possesso di
alcuni requisiti professionali disposti dall’art 4 del D.M. 37/200
La dichiarazione di rispondenza (DiRi), è un documento che sostituisce il
certificato di conformità nel caso di smarrimneto o perdita del documento,

Importante: la DIRI può essere rilasciata solo per gli impianti realizzati
prima del 27/03/2008, data di entrata in vigore del DM 37/08.
La Di.Ri dovrà essere riferita alla regola dell’arte vigente all’epoca di
esecuzione dell’impianto in esame, tenendo comunque conto che, in generale,
la regola dell’arte più recente è da considerarsi con grado di sicurezza
equivalente o superiore.

l’impresa installatrice è tenuta sempre a rilasciare
la dichiarazione,e deve essere allegata la relazione contenente la
tipologia dei materiali impiegati, lo schema/progetto e la copia del
certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali
dell’impresa. La stessa ditta, esecutrice dei lavori, dovrà, entro 30 giorni
dalla fine dei lavori, consegnare i documenti al comune presso lo Sportello
Unico per l’edilizia ove ha sede l’impianto.

ma sopratutto nelle grandi citta molto spesso si va a vivere in condominio
anche in questo caso fai molta attenzione ? be devi informarti sul
regolamento  condominiale i pagamenti  che ci sono da fare quali? te le dico
subito!

cosa valutare quanto si visita un appartamento da affittare ?
cosa valutare quanto si visita un appartamento da affittare ?

Quali sono gli elementi da tenere in considerazione, a cui spesso non si
pensa, quando si visita un appartamento da affittare?

(partiamo dal presupposto che in un condominio le spese ci sono e possono
anche essere elevate per la manutenzione dello stesso e per i servizi e per
lo stato di conservazione del condominio questo e regolato dal codice civile
e fa riferimento Art. 1104 del Codice Articolo 1105 Codice civile Articolo
1106 Codice civile

quindi controlla sempre che il precedente inquilino abbia pagato le spese
condominali se nel caso non le avesse pagatare allora sara’ l’amministratore
del condominio a fornire tutti i dati ai creditori per il recupero della
cifra e l’amministratore non deve chiedere l’approvazione della assemblea
condominiale,

se poi il pagamento  va oltre il semestre l’amministratore puo
escludere il condomino moroso dal utilizzo dei spazi e beni comuni
Se invece un nuovo condomino subentra, è tenuto al pagamento dei contributi
dell’anno in corso e di quello precedente.

(In base all’art. 63 del Codice Civile, chi subentra nei diritti di un
condomino è tenuto, solidalmente con questo, al pagamento delle spese
dell’anno in corso e di quello precedente)

Chi entra in possesso di un immobile può essere infatti chiamato a
rispondere dei debiti condominiali del precedente proprietario. Il soggetto
può però rivalersi successivamente nei confronti del venditore.

Ma nel caso in cui, al momento della vendita, siano state deliberate spese
straordinarie non ancora pagate, chi dei due soggetti sarà tenuto a
rispondere del pagamento?

Una sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito che è tenuto a pagarle
chi era proprietario al momento della delibera assembleare con la quale si
sono approvati i lavori.
Non importa se tali lavori non sono stati ultimati o addirittura devono
ancora iniziare. Se il nuovo proprietario sarà costretto ad anticiparle, in
virtù del principio di solidarietà sancito dall’art. 63 del c.c., potrà
rivalersi sul venditore.

immobiliare affitti valutazione immobile

Nel mentre, il condomino che se ne va, deve continuare a pagare le proprie
spese condominiali finché il rogito notarile non è stato trasmesso
all’amministratore condominiale.
a volte pero il condominio necessita anche di spese urgente e impreviste
informati sempre perche’ posso essere delle batoste vuoi un esempio :
danni al tetto ,il rifacimento degli impianti , la rottura del ascensore , e
comunque tieni sempre presente che non ci si puo rifiutare di pagare le
spese urgenti o straordinarie o ordinarie ,

spese di manutenzione ordinarie:
sono le spese più generiche e prevedibili (esempio: sostituzione luci delle
scale, mantenimento dell’efficienza degli impianti ,manutenzione del
giardino comune ,pulizie ,manutenzione cancellata pulizie illuminazione
riparazioni generiche polizza assicurati compenso dell’amministratore ecc

spese di manutenzione straordinarie:
esempio: tromba d’aria e danni al tetto del condominio, rifacimento del
cornicione rifacimento del impianto elettri ,installazione di un nuovo
ascensore ecc a questo punto l’assemblea condominiale può creare un fondo
speciale, che verrà utilizzato esclusivamente per queste spese condominiali.

e in ultimo pesanvi di cavartela facile e invece no per ci sono i
(millesimali ) perche le spese per l’uso di beni comuni vengono calcolati
appunto in base ai millesimali,

Art. 1123. (Ripartizione delle spese).del codice civile 
Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti
comuni dell’edificio, per la prestazione dei servizi nell’interesse comune e
per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini
in misura proporzionale al valore della proprieta’ di ciascuno, salvo
diversa convenzione.

Se si tratta di cose destinate a servire i condomini in misura diversa, le
spese sono ripartite in proporzione dell’uso che ciascuno puo’ farne.
Qualora un edificio abbia piu’ scale, cortili, lastrici solari, opere o
impianti destinati a servire una parte dell’intero fabbricato, le spese
relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condomini che ne
trae utilita’.

Quali sono gli elementi da tenere in considerazione, a cui spesso non si
pensa, quando si visita un appartamento da affittare?

spero di averti aiutato nel darti buoni consigli a presto !!!

Conviene comprare casa per affittarla affitto rimini

Conviene comprare casa per affittarla
Conviene comprare casa per affittarla

Compreresti una casa per metterla in affitto, e andare ad esempio  a vivere in affitto in un’altra? Perché?

 

Conviene comprare casa per affittarla

Questa e’ una delle domande piu difficili da rispondere perche   dal sito QUORA

indipendentemente da tutto comporta diversi fattori

in primo luogo economici dovuta ad una crisi che nessuno si aspettava

dove conviene comprare casa per investimento in italia

oggi vediamo di analizzare alcuni punti per chi a dei risparmi e decide di investirmi in immobili a redditto ,

o meglio ancora per ottenere un reddito dal affitto .

Nonostante la crisi che attanaglia il settore immobiliare siamo anche in un momento propizio per chi vuole investire, e’ comunque del tutto naturale che se si vuole avere una resa economica occorre anche avere una strategia ,

Te lo confermo anche io  si oggi e il momento propizio per investire e anche per darlo in affitto ,nonostante che gli immobili abbiano avuto un calo anche del 40 % oggi puo essere molto conveniente investire in immobili.

il mercato immobiliare si e molto ristretto e le condizioni di mercato tipo il calo dei prezzi

( ma senza generalizzare anche perche nelle grandi citta sopratutto  di interesse storico culturale o grandi capoluoghi)

dove troviamo importanti poli universitari e scientifici i prezzi si sono mantenuti all’incirca costanti

anche se in alcuni casi sono addirittura aumentati ,

inoltre abbiamo un mercato saturo di immobili

invenduti tale percui ci sono tantissime

occasioni appetibili e anche a prezzi interessanti .

Conviene comprare casa per affittarla affitto rimini comprare casa o affitto !

Per quanto riguarda gli affitti si e’ visto un aumento di richiesta visto che il potere di acquisto e’ diminuito

quindi una rendita economica derivante dal affitto puo essere molto interessante,

ad ogni modo le statistiche dicono che la richiesta di immobili n affitto sara costante con un aumento nel prossimo futuro e saranno sempre meno le persone che si posso permettere una casa tutta propria.

Comprare casa o affitto ?

Capitolo tassi di interesse in questo momento storico sono i piu bassi in assoluto

ma anche se si opta per l’acquisto della casa occorre anche fare attenzione

al capito tasse che in italia sono uno sproposito.

Il problema di comprare casa o meno sta nel fatto che dipende tutto dalla tua leva economica infatti se devi investire piu del 80 % a debito e con il 20 % di restante di capite comprare per investire credimi non ti conviene considera inoltre quello che dicevo prima tasse e interessi e anche  se quasi inesistenti ci sono lo stesso ti troverai a perdere dei soldi perche con l’affitto che andrai a percepire dovrai pagare gli interessi il che significa che il  reddito derivante dal affitto sara’ pari a zero ,

la convenienza economica nel comprare casa anche da un privato senza l’intermediazione della agenzia oppure comprare casa a rate senza mutuo conviene solo se il capitale che chiedi alla bassa e molto basso nel ordine del 20 % a debito e per il restante del 80 % sono soldi tuoi che investi nel immobile questa e’ una soluzione molto interessante e di assoluto di investimento perche oltre che avere una rendita sul affitto ti rimarranno soldi in piu in tasta a te molto semplicemente se percepito un affitto di 1000 euro e paghi 300 di mutuo il gioco e’ fatto non credi !!

Compreresti una casa per metterla in affitto, e andare ad esempio  a vivere in affitto in un’altra? Perché?

Le forme di affittanze per chi decide di mettere a reddito un immobile sono soprattutto come gia accennato affittanze a studenti universitari,

quindi citta importanti con grandi università vero anche che la rendita per questi affitti a superiore al affitto classico soprattutto per chi decide di affittare stanze per studenti,

studenti ce’ chi a realizzato un vero e proprio busisnes comprando appartamenti di grandi dimensioni e suddividendoli in stanze per studenti un ottimo sistema per generare affitti e rendite molto consistenti ,

ma considera sempre e comunque che ci posso essere dei cali e quindi non saranno mai e sempre piene le stanze affittate,

ma se volessi trasformare un appartamento in stanze da affittare che cosa devo fare? Quali sono i permessi che devo ottenere ? vediamoli !

In anzi tutto parliamo di affittacamere non e’ altro che una piccola attivita ricettiva con lo scopo di affittare camere all’interno di grandi appartamenti  dietro un compenso in denaro si tratta di attiva che non sono definite alberghiere,

perche non offro gli stessi servizi quindi l’affittacamere vengono definite strutture ricettive gestite da privati

aventi disponibilità di appartamenti arredati  all’interno dello stesso stabile del quale si offrono

servizi di alloggio ,prima colazione,, pranzo ecc ,,

per prima cosa per aprire un affittacamere bisogna studiasi la legge regionale (sembra facile ) in materia di turismo,

quindi dipendentemente dove abiti devi andarti a studiare la legge regionale

che fa caso al regolamento del turismo nel mio caso io vivo in Emilia Romagna e se,

Conviene comprare casa per affittarla affitto rimini

volessi aprire un affittacamere in questa Regione, devrei andarmi a studiare la normativa emiliano-romagnola in materia.

( sempre la solita burocrazia ) perche a livello nazionale le regole sono standardizzate

ma a livello regionale ognuno si fa le proprie di regole,

Compreresti una casa per metterla in affitto, e andare ad esempio  a vivere in affitto in un’altra? Perché?

nell’ambito dell’attività di affittacamere – è possibile affittare al massimo 6 camere arredate e ubicate in non più di 2 appartamenti ammobiliati nello stesso stabile. Il numero di posti letto, varia di norma in base ai metri quadrati della camera in questione (possono andare fino a 12 posti letto totali).

Quindi il servizio di affittacamere offre un servizio di pernottamento e alloggio e per le normative ?? per essere in regola ?

1  le camere devono avere letto, sedia, armadio, cuscini, scrivania, cestino per rifiuti, biancheria, telefono;

2  gli appartamenti devono essere dotati di servizio igienico (la toilet) completo e a norma; anche per handicap

3  Il servizio di ricevimento deve offrire una garanzia minima e ci deve essere sempre un addetto al servizio reperibile;

4 L’alloggio deve comprendere i servizi minimi di pulizia quotidiana, cambio biancheria, fornitura di riscaldamento, acqua, luce e gas.

E poi ci posso anche essere ulteriori servizi come ad esempio .

4 la prima colazione Room&breakfast o Bed&breakfast;

5 l’attività di ristorazione e somministrazione bevande (in questo caso però la struttura prende il nome di Locanda);

6 servizi di lavanderia e pulizia straordinaria.

Ma come di apre un affitta camere ? e che autorizzazione devo avere ?

Prima di dare inizio alla attivita dobbiamo chiedere autorizzazione al comune ma ancora prima dobbiamo avere le idee chiare se l’attivita  la vogliamo fare in maniera professionale o saltuaria,

perche nella autorizzazione va specificato dopo

che  per iniziare l’attività, presentando la Scia (segnalazione di inizio attività) specificando, tra tutte le altre cose,

Alla Scia si allegano poi

tutte le autocertificazioni e attestazioni dei tecnici su impianti a norma, agibilità, nulla osta igienico-sanitario della Asl,

ma se l’attivita non la fai a livello professionale ma per cosi dire a livello saltuario allora

Per diventare affittacamere occasionale

Conviene comprare casa per affittarla affitto rimini
Conviene comprare casa per affittarla affitto rimini

Conviene comprare casa per affittarla affitto rimini

non bisogna iscriversi né al Registro delle imprese,né aprire partita Iva.

Si deve però provvedere a presentare al Comune in cui è presente la struttura, la Scia (la Segnalazione certificata di inizio attività).

conviene comprare casa per affittarla

A livello legale infatti l’amministrazione vuole sapere il motivo del via vai che si creerà nella struttura,

la capacità ricettiva, quale attività viene messa in piedi, quali servizi verranno offerti.

Se invece vuoi fare l’affitta camere professionale allora?

devi aprire partita Iva entro 30 giorni dall’inizio della tua attività e

devi iscrivere l’attività al Registro delle imprese,

tenuto presso la Camera di commercio,

Oltre alla presentazione della Scia

(segnalazione certificata di inizio attività) allo sportello per le attività produttive (Suap) del Comune in cui è presente la struttura,

Con l’apertura della partita  iva avremo un codice ATECO con la denominazione

affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, B&B, residence”.

Nel momento in cui si presenta la Scia, si dovrà anche allegare tutta un’altra serie di documentazioni, tra cui :

– il nulla osta igienico-sanitario della Asl;

-il certificato di agibilità della struttura

-la certificazione degli impianti a norma, ecc).

Inoltre, è di norma obbligatorio:

-effettuare la comunicazione-denuncia degli ospiti in Questura (se la permanenza è inferiore a 30 giorni);

-registrare il contratto con gli ospiti presso l’Agenzia delle entrate (se questo è superiore ai 30 giorni). Anche se in realtà di norma i soggiorni presso gli affittacamere sono relativamente brevi;

-comunicare i prezzi praticati (di norma sono esonerati da questa incombenza gli affittacamere non professionali).

Altro modo interessante per creare reddito da affitto e quello  per quelle persone che vivono in zone turistiche con affitti per brevi periodi,

per quei proprietari che anno immobili in zone turistiche di certe dimensioni

puo essere una carta vincente trasformare l’immobile in b&b magari aperto tutto l’anno considerando anche il fatto che ci posso essere dei cali,

durante la stagione come per il caso degli  affitti a studenti universitari,

comprare casa conviene

quindi convertire una stabile residenziale e una abitazione

per ottenere un reddito di affitto sicuro conviene eccome,

comunque con un governo avido come il nostro era impossibile non parlare di tasse sugli affitti

infatti se parliamo di reddito e potenziale guadagno parte delle nostre fatiche vanno in tasse e sono :

con la cedolare secca : si paga il 21%, a prescindere da quale sia la somma ricevuta come canone di locazione;

è un regime facoltativo, che si sostituisce  nel pagamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali (per la parte derivante dal reddito dell’immobile).

. risoluzioni e proroghe dei contratti di locazione. La cedolare secca non sostituisce l’imposta di registro per la cessione del contratto di locazione.

La scelta per la cedolare secca implica la rinuncia alla facoltà di chiedere, per tutta la durata dell’opzione, l’aggiornamento del canone di locazione,

anche se è previsto nel contratto, inclusa la variazione accertata dall’Istat dell’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati dell’anno precedente.

è possibile optare per la cedolare secca sia alla registrazione del contratto sia negli anni successivi, in caso di affitti pluriennali. Quando l’opzione non viene esercitata all’inizio, la registrazione segue le regole ordinarie; in questo caso, le imposte di registro e di bollo sono dovute e non sono più rimborsabili.

In caso di proroga del contratto, è necessario confermare l’opzione della cedolare secca,

contestualmente alla comunicazione di proroga.

La conferma dell’opzione deve essere effettuata entro 30 giorni dalla scadenza del contratto o

di una precedente proroga,

L’opzione per la cedolare secca può essere fatta anche per i contratti di locazione di tipo strumentale stipulati nel 2019.

I locali commerciali devono essere classificati nella categoria

catastale C/1,

e avere una superficie fino a 600 metri quadrati, escluse le pertinenze.

Compreresti una casa per metterla in affitto, e andare ad esempio  a vivere in affitto in un’altra? Perché?

 

con il regime ordinario: si paga a seconda del proprio scaglione IRPEF,

che è ad ogni modo più alto del 21% e

può raggiungere, per chi ha i redditi più importanti, il 43%;

con cedolare secca a canone concordato:

Come si stipula il contratto di affitto a canone concordato?

Innanzitutto per essere pienamente consapevoli di cosa significhi stipulare un contratto di locazione a canone concordato va detto che:

il contratto a canone concordato relativamente ad immobili destinati ad uso abitativo è possibile ordinariamente secondo la formula 3 + 2 (cioè durata triennale con possibilità di rinnovo per altri due anni;

; se, invece il contratto fosse transitorio, fosse cioè destinato ad esempio ad un lavoratore o ad uno studente che debba trasferirsi per un breve periodo in un’altra città, la durata è fissata da uno a diciotto mesi;

comprare casa a rate senza mutuo

; infine, se il contratto fosse destinato agli studenti universitari la durata è compresa tra sei mesi e tre anni);

la stipula di questo tipo di contratto di locazione è possibile in ogni comune italiano (non solo in quelli cosiddetti ad alta tensione abitativa).

per stipulare un contratto a canone concordato dovrai:

verificare quale sia l’accordo territoriale vigente nel territorio del comune in cui è situato l’immobile che vuoi locare (l’accordo territoriale è in pratica il “manuale di istruzioni”

Conviene comprare casa per affittarla

stipulato tra le associazioni dei proprietari e dei conduttori necessario per calcolare il canone, per individuare il modello di contratto di locazione da utilizzare e per conoscere tutte le regole concretamente applicabili al contratto di locazione);

di regola gli accordi territoriali vigenti sono scaricabili dai siti istituzionali dei comuni,

e se il comune nel quale è situato l’immobile da affittare non ha concluso alcun accordo territoriale,

potrai fare riferimento e utilizzare l’accordo territoriale di un comune vicino con popolazione simile;

il modello di contratto di locazione a canone concordato da utilizzare;

le modalità con cui tu e l’inquilino calcolerete il canone,

(nell’accordo è chiarito quali siano i valori di oscillazione del canone, tra un minimo ed un massimo,

per ogni zona in cui il territorio comunale è suddiviso,

quali siano le dotazioni dell’immobile necessarie per determinare il canone e come calcolare,

la superficie dell’immobile necessaria per determinare l’importo del canone).

La stipula del contratto (cioè la sottoscrizione)

potrà poi avvenire con l’assistenza

delle associazioni della proprietà edilizia e dei conduttori:

l’assistenza delle associazioni non è obbligatoria,

ma se questa assistenza non vi fosse sarebbe comunque necessario ottenere da almeno una di esse una

attestazione con cui viene accertato che il contratto da te stipulato è conforme a quello che prevede l’accordo territoriale.

Molto importante :

è sottolineare che

l’assistenza delle associazioni alla stipula,

oppure l’attestazione di conformità rilasciata da una di esse,

, è una condizione indispensabile per il riconoscimento

delle agevolazioni tributarie come la cedolare secca

(di cui diremo più avanti).

Infine il contratto dovrà essere registrato presso l’Agenzia delle Entrate entro trenta giorni dalla stipula

comprare casa in contanti

(per i contratti a canone concordato relativi ad immobili ubicati nei comuni ad alta tensione abitativa ci sarà, come diremo anche in seguito, uno sconto del 30% sull’imposta di registro dovuta che è pari, di regola, al 2% del canone annuo).

Il contratto a canone concordato prevede agevolazioni fiscali

Quali vantaggi dà il contratto di affitto a canone concordato?

Abbiamo appena indicato la prima

delle agevolazioni fiscali di cui si ha diritto stipulando un contratto a canone concordato.

Se, cioè, stipuli un contratto a canone concordato per un immobile ad uso abitativo in uno dei comuni ad alta tensione abitativa, dovrai pagare il 2% calcolato sul 70% del canone annuo.

Conviene comprare casa per affittarla

Ad esempio: se il canone annuo è pari a seimila euro, dovrai pagare l’imposta di registro (normalmente poi da dividere a metà tra proprietario e inquilino) calcolando il 2% sul 70% di seimila euro e, quindi, il 2% di quattromila e duecento euro che è pari ad euro 84,00.

Ulteriori vantaggi fiscali:

per il proprietario di casa:

se sceglierà di indicare il canone di locazione percepito nella dichiarazione annuale dei redditi, potrà indicare l’imponibile da tassare decurtato del 30% ma solo se il contratto a canone concordato sia stato sottoscritto per un immobile ubicato in uno dei comuni ad alta tensione abitativa (o a favore di studenti universitari);

se sceglierà la cosiddetta cedolare secca

(cioè di tassare direttamente il canone percepito senza sommarlo agli altri redditi percepiti),

applicherà sull’intero canone annuo percepito l’aliquota del 10%,

ma solo se il contratto a canone concordato sia stato stipulato in uno dei comuni ad alta tensione abitativa

(per i contratti a canone concordato stipulati non in un comune ad alta tensione abitativa l’aliquota della

cedolare secca resta invece al 21% come per i contratti di locazione a canone libero);

una riduzione dell’aliquota Imu e Tasi pari al 25% (che tocca al proprietario di pagare) nel caso in cui l’immobile sia stato affittato con contratto a canone concordato in un qualsiasi comune:

perciò se il comune prevede ad esempio un’aliquota pari al 6 per mille, il proprietario che ha in corso un contratto di affitto a canone concordato pagherà sulla base di un’aliquota del 4,5 per mille (6 per mille meno il 25%).

per gli inquilini:

innanzitutto pagano un canone di locazione inferiore rispetto a quello che sarebbe stato se avessero stipulato un contratto a canone libero;

Compreresti una casa per metterla in affitto, e andare ad esempio  a vivere in affitto in un’altra? Perché?

una maggiore detrazione Irpef sull’ammontare dei canoni pagati se l’appartamento è stato destinato ad abitazione principale dell’inquilino (detrazione pari ad euro 495,80

se il reddito complessivo non supera gli euro 15.493,71 annui e pari ad euro 247,90 se il reddito complessivo annuo supera euro 15.493,71 ma non gli euro 30.987,41):

per studenti universitari (per gli studenti fuori sede è detraibile ai fini Irpef il 19% su una spesa massima di euro 2.633 annui).

I calcoli fatti da autorevoli studiosi del settore, per quello che riguarda soprattutto l’applicazione della cedolare secca (l’agevolazione più ricercata), sottolineano che la convenienza è maggiore quanto maggiore sia il reddito complessivo del contribuente.

Maggiore sarà il reddito complessivo del contribuente,

maggiori saranno quindi i risparmi e quindi,

nell’alternativa tra tassazione ordinaria (nel 730)

Conviene comprare casa per affittarla

o applicazione della cedolare secca sui canoni di locazione percepiti sulla base di contratti a canone concordato (sia con aliquota al 10% che al 21%), sarà preferibile la cedolare secca al crescere dei redditi del contribuente.

un’opzione che è attiva per chi ha un immobile nei comuni di Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia,

nonché nei comuni confinanti. In questo caso, se venisse concesso affitto a canone concordati, si pagherebbe soltanto il 15%; Si può utilizzare per gli immobili che appartengono alle categorie catastali A1-A11 (esclusa l’A10 – uffici o studi privati)

A/1 Abitazioni di tipo signorile

A/2 Abitazioni di tipo civile

A/3 Abitazioni di tipo economico

A/4 Abitazioni di tipo popolare

A/5 Abitazioni di tipo ultrapopolare

A/6 Abitazioni di tipo rurale

A/7 Abitazioni in villini

A/8 Abitazioni in ville

A/9 Castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici

A/10      ————————————–

A/11      Abitazioni ed alloggi tipici dei luoghi

comprare casa conviene

Può essere destinata soltanto agli immobili a scopo abitativo e solo nel caso in cui gli inquilini affittino per abitarvi e non invece per svolgere attività commerciali.

Ci sono anche dei sistemi per capire o meglio intercettare l’affare migliore l’immobile migliore da acquistare e mettere in affitto ti do qualche consiglio :

-non trascurare mai gli immobili da ristrutturare quindi potresti comprare un immobile non bellissimo magari in zone particolari e centrali e ce ne sono tanti non ti preoccupare del prezzo che puo chiedere il proprietario se lo a messo in vendita un motivo ce’ e non ti preoccupare se ti dice (io non ho bisogno )

non avere paura e fai la tua offerta ma fatti vedere con le palle e deciso ok e poi magari lo ristrutturi nel tempo ma intanto ai una proprieta di valore infatti il consiglio che ti do e’ che devi dare valore immagine solo cosi potrai avere una buona rendita,

,quindi scegli zone importanti centrali e rinomate il tuo immobile prendera’ valore subito con  una buona ristrutturazione .

tieni in considerazione le case che sono gia occupate o meglio gia affittate con contratti regolari pero ‘ perche ? ci sono gia dei contratti in essere e la cessione non elimina il contratto e quindi percepisci un reddito gia garantito inoltre non ti devi menare per cercare un affittuario e che sia

serio ma che soprattutto paghi alle scadenze mensili  meglio di cosi !! poca fatica molta resa .

Case in affitto a Santarcangelo di Romagna

 Affitto Santarcangelo di Romagna
Affitto Santarcangelo di Romagna

 

Comprare o affittare casa a Santarcangelo di romagna  prezzi e valutazioni 

case in affitto a Santarcangelo di Romagna

Case in affitto a Santarcangelo di Romagna affitto da privati

affitto da privati santarcangelo di romagna

In questo articolo parliamo di Santarcangelo di Romagna un paese diventato città,

dove  anche al incremento demografico  dei ultimi anni e allo sviluppo industriale

hanno abbattuto il sinonimo di “ isola felice “ che aveva qualche anno fa .

 

Affitto Santarcangelo di Romagna
Affitto Santarcangelo di Romagna

Comprare o affittare casa a Santarcangelo di romagna  prezzi e valutazioni affitto casa

affitti santarcangelo di romagna case

Quinti parliamo  di affitti a Santarcangelo di Romagna

,ma prima  voglio fare una introduzione per chi non conosce questo paese diventato

citta del entroterra della Valmarecchia,

iniziamo con il dire che Santracangelo di Romagna e bagnata da due fiumi l’uso e il marecchia

e il paese si sviluppa attorno al colle giove per circa 95 metri  sul livello del mare ,

Il territorio comunale si estende a ridosso delle prime colline dell’Appennino tosco-romagnolo.

A poca distanza (circa 10 km) si trovano Rimini e la Riviera romagnola.

Santarcangelo di Romagna  risale all’epoca romana

infatti passava la via emilia e (passa tuttora )che collega Rimini a Piacenza per poi continuare fino a Milano ).

Comprare casa   prezzi e valutazioni 
Comprare casa   prezzi e valutazioni

Dal XIII secolo fu dominata dai conti Ballacchi, famiglia antiquitate generis et gloria maiorum originaria forse di Santarcangelo stesso oppure, secondo altre fonti meno accreditate, di Rimini, poi spodestata agli inizi del XV secolo dai Malatesta,

 

Santarcangelo di Romagna
Santarcangelo di Romagna

nemici di vecchia data Il dominio dei Ballocchi ebbe una conclusione con le pesanti sconfitte politiche

Comprare casa   prezzi e valutazioni 
Comprare casa   prezzi e valutazioni

e la scomunica del suo ultimo esponente, Paolo, rimosso dal controllo della città da papa Bonifacio IX e ridotto alla vita di Cavaliere privato.

Comprare o affittare casa a Santarcangelo di romagna  prezzi e valutazioni 
Comprare o affittare casa a Santarcangelo di romagna  prezzi e valutazioni

 

Santarcangelo di romagna per quanto riguarda le bellezze da visitare ti segnalo :

Chiesa collegiata della Beata Vergine del Rosario: è l’edificio di culto più importante di Santarcangelo e risale al XVIII secolo.

Affitto Santarcangelo Santarcangelo di Romagna

Case in affitto a Santarcangelo di Romagna affitto da privati

Al suo interno, fra le altre cose, è conservato un quadro di Guido Cagnacci, un Crocifisso di Pietro da Rimini e un organo di Gaetano Callido. Pieve di San Michele Arcangelo: edificio religioso più importante della città e del territorio fino alla metà del XVIII secolo,è il luogo di culto più antico della città.

Cappella Zampeschi: situata lungo via della Cella, la facciata di questa piccola chiesetta, ora sconsacrata, è l’unica struttura della via rimasta illesa durante la seconda guerra mondiale.

Arco di Papa Clemente XIV: l’accesso monumentale a Piazza Ganganelli. Fu voluto dai santarcangiolesi nel 1769, anno in cui il concittadino cardinale Lorenzo Ganganelli venne eletto papa con il nome di Clemente XIV. Fu progettato dall’architetto imolese Cosimo Morelli, ma fu terminato solo nel 1777, tre anni dopo la morte del pontefice.

Secondo una tradizione folcloristica, l’arco è oggi conosciuto come l’Arco dei Becchi o Arco dei cornuti.

Difatti, durante la festa più importante di Santarcangelo di Romagna, san Martino (11 novembre), vengono fissate delle corna sotto l’arco

e la tradizione vuole che se passando sotto ad esse queste si muovono vuol dire che si è cornuti.

Pescheria: aperta quotidianamente rappresenta il principale mercato del pesce della città.

Realizzata nel 1829 su progetto del santarcangiolese E. Maggioli,

è caratterizzata da una semplice struttura in mattoni con quattro ampie porte di accesso,

sulle quali sono ancora visibili i cancelli originali in ferro battuto e i banchi di pietra della vicina Repubblica di San Marino.

affitti santarcangelo di romagna case

Campanone: situato nel cuore del borgo medievale di Santarcangelo di Romagna è,

insieme all’Arco di Papa Clemente XIV, il monumento più identificativo della città. Costruito nel 1893,

alto 25 metri, in stile neogotico con merlatura in alto e coronato dall’immagine

di San Michele Arcangelo in ferro battuto a mano indicante la direzione del vento. Ancor oggi indica l’ora esatta agli abitanti della città.

Porta del Campanone Vecchio: risalente al XII-XIII secolo, costituisce il più antico accesso della prima fortificazione costruita sul Colle Giove.

Un tempo era sormontata da una torre campanaria, ma nel 1880 circa

la popolazione, dato che considerava la torre fatiscente, decise di abbatterla.

Oggi sono ancora visibili i resti della prima cinta muraria in prossimità della porta.

Porta Cervese: risalente al XV – XVI sec.,

conosciuta anche come la Porta del Sale (dato che si immette sulla via che in passato collegava Santarcangelo con la città salinara di Cervia),

unico accesso rimasto della seconda cinta muraria che proteggeva la città voluta dalla famiglia Malatesta.

Ti segnalo le  grotte furono utilizzate come rifugi durante la seconda guerra mondiale,

ma l’utilizzo originario resta tuttora sconosciuto.

Adesso parliamo della città oggi sempre stata politicamente rossa e attualmente governata da una amministrazione di centro sinistra

capisci subito che e’ difficile fare impresa per chi non la pensa a sinistra ma a destra

vediamo adesso gli affitti di Santarcangelo di Romagna

ma prima ancora Paliano di come e’ il vero santarcangiolese ,

affitti santarcangelo di romagna case

Case in affitto a Santarcangelo di Romagna affitto da privati

ma ti posso dire che essendo un paese di sinistra e passando  dal partito comunista e democrazia cristiana  adesso centro sinistra il Santarcangiolese nato e cresciuto in questa terra tiene molto alla sua cultura e tradizione e storia

e un personaggio il Santarcangiolese chiuso gretto si fida solo di chi conosce ,schivo ,anche negli affari li fa solo con chi conosce anche  con il semplice passaparola , insomma un contadino che non si fida nemmeno della sua terra , che ora e’ diventato cittadino .

fatta questa premessa gli affitti a Santarcangelo di Romagna senza false illusioni e proprio perché considerato il paese felice che poco a di felice ma che in controtendenza si sta bene e vivibile  si vive bene in tutto facciamo circa 22000 abitanti e con un reddito medio di 25.000 euro

Ti segnalo anche  nella cittadina clementina

la presenza diffusa di  stranieri  fra cui una alta percentuale di

Cina Albania Marocco Romania ucraina ,ok adesso arriviamo alla punto di questo articolo gli affitti a santarcangelo di romagna

vediamoli :

premetto che i dati che faccio riferimenti sono dai omi (osservatorio immobiliare italiano e agenzia delle entrare ,borsino immobiliare) e

affitti santarcangelo di romagna case

quindi sono dati ufficiali e attendibili :

io parlo di residenziale e quindi ti posso tranquillamente dirti che i alcune zone del centro devi sborsare anche  650 – 750 euro per un affitto di una abitazione di 50 mq per le zone limitrofe  della periferia  il canone di affitto posso essere dai 450 ai 550 euro mensili   con un costo da quasi 6.50 – 11 euro al mq mensile

mensile  per appartamenti dai 80 ai 100 ritengo alti nonostante  che a Santarcangelo di Romagna  si vivi bene ma trovare un appartamento in affitto e difficile  perché ? ce troppa domanda e poca offerta . ma per chi vuole comprare ?

allora la musica cambia eccome per le abitazioni residenziale  di fascia economia puoi anche spendere 1150 / 1390 al mq per una abitazione un po piu elegante andiamo  sui  1450  / 1750 al mq per le abitazioni di maggior lusso siamo attorno ai 1600 / 2000 al mq .

Se poi parliamo di ville possiamo a avere un ventaglio per le ville più economiche dai 1590 euro al mq alla fascia media 1950 euro al mq al lusso fino ai 2100-2500 al mq

TipologiaStato conservativoValore Mercato (€/mq)Superficie (L/N)Valori Locazione (€/mq x mese)Superficie (L/N)
MinMaxMinMax
Abitazioni civiliNORMALE21002950L7,511L
Abitazioni di tipo economicoNORMALE16002300L6,39,2L
BoxNORMALE7901150L3,34,7L
Ville e VilliniNORMALE23003200L7,511L

Lo stato conservativo  indicato con lettere MAIUSCOLE si riferisce a quello più frequente di ZONA Il  Valore di Mercato è espresso in Euro/mq riferito alla superficie Netta (N) ovvero Lorda (L)

affitti santarcangelo di romagna case

Il Valore di Locazione è espresso in Euro/mq per mese riferito alla superficie Netta (N) ovvero Lorda (L)

La presenza del carattere asterisco (*) accanto alla tipologia segnala che i relativi Valori di Mercato o di Locazione sono stati oggetto di rettifica.

Per le tipologie Box, Posti auto ed Autorimesse non risulta significativo il diverso apprezzamento del mercato secondo lo stato conservativo

Per la tipologia Negozi il giudizio O/ N /S è da intendersi riferito alla posizione commerciale e non allo stato conservativo dell’unità immobiliare

Il Valore di Mercato è espresso in Euro/mq riferito alla superficie Netta (N) ovvero Lorda (L)

Il Valore di Locazione è espresso in Euro/mq per mese riferito alla superficie Netta (N) ovvero Lorda (L)

Nella tipologia è indicato lo stato di conservazione e manutenzione che può assumere i seguenti valori:

Ottimo

Normale

Scadente

Pertanto nella descrizione della Zona omogenea è, in generale, indicata la microzona catastale allo stesso modo ricade, così come deliberata dal Comune ai sensi del D.P.R. n.138 del 23 marzo 1998.

Se poi parliamo della zona sub urbana di :

perieferia di Santarcangelo di Romagna ,come le zone di

San Ermete , san Martino dei mulini :

TipologiaStato conservativoValore Mercato (€/mq)Superficie (L/N)Valori Locazione (€/mq x mese)Superficie (L/N)
MinMaxMinMax
Abitazioni civiliNORMALE14502000L5,37L
Abitazioni di tipo economicoNORMALE11501650L4,36L
BoxNORMALE540790L2,33,3L
Ville e VilliniNORMALE16502200L5,47,4L

Per le zone di san michele e bornacino  :

 

TipologiaStato conservativoValore Mercato (€/mq)Superficie (L/N)Valori Locazione (€/mq x mese)Superficie (L/N)
MinMaxMinMax
Abitazioni civiliNORMALE14502000L56,9L
Abitazioni di tipo economicoNORMALE11501650L4,36L
BoxNORMALE540790L2,33,3L
Ville e VilniNORMALE16502200L5,47,4L

SANTARCANGELO DI ROMAGNA

Fascia/zona: Extraurbana/ZONA AGRICOLA LATO RIMINI

TipologiaStato conservativoValore Mercato (€/mq)Superficie (L/N)Valori Locazione (€/mq x mese)Superficie (L/N)
MinMaxMinMax
Abitazioni civiliNORMALE13001800L45,9L
BoxNORMALE540790L2,33,3L
Ville e VilliniNORMALE15002100L56,9L

 

SANTARCANGELO DI ROMAGNA

 Extraurbana/CANONICA S.BARTOLO MONTALBANO STRADONE

 

TipologiaStato conservativoValore Mercato (€/mq)Superficie (L/N)Valori Locazione (€/mq x mese)Superficie (L/N)
MinMaxMinMax
Abitazioni civiliNORMALE13001800L45,9L
BoxNORMALE540790L2,33,3L
Ville e VilliniNORMALE15002100L56,9

Comprare o affittare casa a Santarcangelo di romagna  prezzi e valutazioni 

affitto da privati santarcangelo di romagna case

Aggiungo che  a Santarcangelo  di romagna ci sono molti servizi nella zona centro ,di conseguenza se prendi in considerazione di acquistare casa prova a valutare la zone del “passeggio” zona rinomata dove trovi tutto e alla portata sotto casa ,ma la comodita si paga soprattutto per parcheggi ,in quella zona sono  a pagamento e quindi gia avere un posto privato per parcheggiare e un lusso se invece ai qualche soldino in meno prova a valutare ad esempio l’acquisto nella zona stadio e periferia  zona stazione dopo tutto  i prezzi sono piu abbordabili e dopo tutto le comodita non mancano inoltre risparmiare conviene sempre  e inioltre se sei un amante dello spot trovi un lungo viale alberato per la tua attivita’ fisica preferita

I conclusione  penso di averti dato delle buone dritte su come comprare o affittare casa inoltre  presente  che che se vuoi una consulenza sono a tua disposizione ,

 

 

Come valutare un immobile come valutare una casa

come valutare un immobile
come valutare un immobile

Che cosa valutare per capire la validità di un investimento immobiliare ?

Come valutare una casa un immobile come valutare un immobile

Come valutare la validità di un investimento immobiliare ? 

come valutare un immobile

Questa domanda che ho trovato sul sito QUORA ,e una di quelle domande che sembrano semplici ,

ma che in realtà sono molto complesse perché’ dalla  azione che possiamo fare per dare una

risposta esauriente dipende il buon esito di un affare immobiliare o meno ,

E’ anche vero che e’ complesso e da esso dipende sia il guadagno che puoi ottenere  andandolo poi a rivenderlo oppure  la perdita di soldi la rimessa finanziaria  e ti assicuro che e’ molto facile perdere soldi nei immobili .

Ritornando alla domanda ma Che cosa valutare per capire la validità di un investimento immobiliare ?

Devi sapere che dipende molto dalla zona di dove vivi , proviamo a fare un ragionamento :

se prendi per campione città’ italiane come :

BOLOGNA, TORINO ,FIRENZE, MILANO , ROMA, puoi gia intuire  che ogni citta e’ a se tale percui dovrai individuare le zone che meglio si prestano un investimento immobiliare .

come valutare un immobile

 

BOLOGNA : le migliori zone sono :

Centro storico,

Colli bolognesi

Quartiere Mazzini -murri

Massarenti – Sant’Orsola – Megoli

San Donato/Fiera Quartiere San Vitale.

Porta/Saragozza

Quartiere Savena rione toscana 

In provincia: Casalecchio di Reno, Calderara di Reno, San Lazzaro di Savena.

 

come valutare una casa
come valutare una casa

Bologna centro storico  :

Che dire trovi di tutto e di più senza nemmeno usare la macchina negozi, servizi, parchi e stazione centrale essendo poi caratterizzata da zona pedonale puoi muoverti tranquillamente in bicicletta e raggiungere tutti i servizi che vuoi locali ristoranti ,inoltre la zona e’ ben servita da mezzi pubblici il tutto in un contesto storico medioevale di tipica bellezza ,

nella prossimità del centro di sono dei stupendi parchi trai cui i piu importanti Giardini Margherita Porta Santo Stefano e Castiglione e altri piccoli parchi come il parco del Cavaticcio o il parco della Montagnola dove spesso ci sono interessanti eventi musicali i i prezzi dei appartamenti nuovi in centro a Bologna  variano dai dai 3300 ai 4600 euro ,

al mq, in media sui di 3.291€/ m². mentre per gli affitti dove la domanda e molto forte rispetto al acquisto vero e proprio  gli Affitti Bologna: canoni tornano a salire (+7,7%)
„Bologna i canoni di locazione delle abitazioni non arredate (+7,7%) ma gli incrementi sono stati ancora più elevati per le case ammobiliate (+10.3%) e per quelle dotate di garage (+10%).

Affitti
„Bologna il canone medio delle abitazioni non arredate ammonta a 589 euro mensili“„L’esborso mensile sale a 651 euro per gli immobili arredati „Per un monolocale non arredato si pagano 453 euro (498 se arredato) e 526 euro sono richiesti per un bilocale (574 se arredato)

come valutare un immobile

Nelle zone di pregio i canoni medi di affitto oscillano dai 550euro (monolocali) ai 1100 euro (quadrilocali)

mentre nelle periferie il di prezzo di queste tipologie di immobili varia dai 423 euro ai 657 euro

Bologna si utilizzano di più i contratti d’affitto con canone concordato (83,7%), nelle diverse formule “3+2”, canone “concordato per studenti universitari” e “transitorio”.

Quanto tempo per trovare casa. Bologna è uno dei capoluoghi di regione dove per trovare una casa in affitto ci si impiega meno tempo: in media 1,3 mesi

nella zona Centro, con € 15,97 al mese per metro quadro. Il prezzo più basso, invece, è stato nella zona Aeroporto, Borgo Panigale con una media di € 10,86 al mese per metro quadro.

 

colli bolognesi :

Le case in queste zone sono per lo più ville  zona della città molto tranquilla immersa  nel verde  sembra  una zona isola ma non lo e’ infatti con la macchina ci si impiegano solo un paio di minuti per arrivare in centro in queste zone troviamo ville lussuose,

lussuose e molto grandi con tanti spazi e grandi giardini  e tutto quello che serve per goderti il verde la tranquillità’ in un quasi isolamento che in realtà,

non ce’ .e’ una zona ricca lussuosa prezzi al mq delle case di nuova costruzione si aggirano intorno ai 3700 ai 4800 euro al mq fonte osservatorio immobiliare italiano.

Nel 2019 per gli immobili residenziali in vendita sono stati richiesti in media € 3.876 al metro quadro.

Valutare un immobile  e compro casa 
Valutare un immobile  e compro casa

Valutare un immobile  e compro casa

Quartiere Mazzini –murri :

È ritenuto il quartiere più elegante e trai i piu costosi della città, , il prezzo al mq varia da 2.798€ a 3.514€. soprattutto nella zona collinare intorno ai Giardini Margherita,

dove i prezzi sfiorano i 4.600 euro al mq. Qualche abitazione più economica si trova nelle aree di Murri Est, dove i prezzi delle abitazioni partono da 3250 euro al mqMurri-San Vitale (3300 euro al mq),

Mazzini-Foscolo (2600 euro al mq) tanto verde e parchi  come il parco “Lunetta Gamberini” e i “Giardini Margherita”.  Murri è considerato uno dei migliori quartieri di Bologna in cui vivere.

 

Massarenti – Sant’Orsola – Megoli :

Si tratta di un quartiere  di Bologna vicino al centro

e facilmente  raggiungibile usando sia ,la macchina che i mezzi pubblici .

ci sono servizi e Attività’di cui  sono dei punti di favore per un eventuale investimento,

immobiliare  commerciali prima  era un quantiere che si stava degradando ma poi sono stati fatti importanti interventi urbanistici che lo hanno rivalutato e valorizzato grazie anche alla ristrutturazione di molti edifici alcuni risalenti nei anni 20 ,

, e curati anche con gradevoli spazi verdi . il quartiere e nato  nei primi anni del Novecento attorno al polo ospedaliero Sant’Orsola.

Per quanto riguarda il costo a mq in zona Massarenti è di circa 2.700€, prezzo concorrenziale rispetto agli altri data la vicinanza dal centro. Siamo attorno i euro 12.80 al mq mensile.

Valutare un immobile  e compro casa

Agosto 2019 per gli immobili residenziali in vendita sono stati richiesti in media € 3.070 al metro quadro

San Donato/Fiera Quartiere San Vitale :

Il quartiere  san  donato e san vitale sono zone moto grandi di Bologna si tratta di una zona nella zona per prima abbiamo san vitale e una seconda zona periferica san donato  e una borgata vicino alla fiera di Bologna,

,importante polo anche ortofrutticolo il quartiere  San vitale e vicina ai viali di bologna e al centro dove trovi innumerevoli servizi e edifici di epoca del quale si sta provvedendo alla loro ristrutturazione,

e’ una bella zona dicevo e anche ben servita dove ce’ un efficiente sistema di trasporti pubblici essendo vicini l’Ospedale S. Orsola.

Valutare un immobile  e compro casa

in questa zona del  quartiere San Vitale gli appartamenti in media hanno prezzi al mq fra i 2800 e i 3500 euro/mq. Questa zona è molto urbanizzata  di strutture residenziali e commerciali, inoltre  troviamo diverse Attività agricole,

e un forte transito commerciale  i qui prezzi delle case non sono molto alti in media 2.121€/ m², e ‘una interessante zona per la convenienza economica

è l’ideale per chiunque sia alla ricerca di case in affitto a Bologna e provincia a prezzi economici con prezzi al mq da 13,92 mensili.

Porta/Saragozza :

Sobborgo di Bologna Costa-Saragozza si tratta di una zona collinare interessante si tratta di una zona ricca di storia risalente al 500

molto vasta al confine della città con il comune di Casalecchio di Reno toccando lo stadio e ,

dove  troviamo bellissimi edifici e palazzi storici  addirittura dei anni 20

e una zona elegante e ricca di edifici e ville storiche  con stili architettonici unici in  questa zona della città comprende tre aree :

Valutare un immobile  e compro casa

Come valutare la validità di un investimento immobiliare ?

una prima parte che rientra nel “entro le mura”, quindi una parte del centro storico ; una seconda parte anche detto il “fuori porta” che va da Via Andrea Costa a Via Saragozza, subito fuori Porta Saragozza,

e Porta Sant’Isaia l’ultima area quella anche detta “collinare” che comprende le ville signorili subito fuori Porta Saragozza, ricche di aree verdi come Villa Spada e Villa delle Rose;

comprende inoltre le zone adiacenti al Santuario della Madonna di San Luca la vicinaza al santuario al Santuario fa aumentare il prezzo degli appartamenti che costano fra.

i 3800 e i 4400 euro/mq, mentre nell’area chiamata “fuori porta” di questo quartiere i prezzi medi si aggirano intorno ai 2750 e i 3400 euro / mq.

i prezzi al mq in zona Costa-Saragozza sono abbastanza alti quasi come in centro storico, parliamo di cifre al mq di circa 2.923€. prezzi medi dei affitti 13,58 al mq mensili.

Quartiere Savena rione toscana :

IL quartiere Savena e’ una belle zone più belle e verdi di Bologna si trovo lungo il fiume Savena di cui e’ stato bonificato che segna il confine tra Bologna e il Comune di San Lazzaro. Il quartiere è ben collegato al centro e all’università,

Valutare un immobile  e compro casa

zona molto tranquilla dove vivere e del quale e’ stato realizzato un enorme parco per Attività fisiche ,passeggiate ,ma ci sono dei parchi anche più piccoli come  come il parco dei Cedri.

Il quartiere Savena è adatto per le famiglie con figli, data la grande vastità di scuole sia primarie che secondarie nel quartiere ,

inoltre ce una importante biblioteca Natalia Ginzburg,

In più offre molti servizi per il cittadino, sia pubblici che privati, essendo una zona ricca di negozi il quartiere e ben collegato alla città, in quanto zona bene servita, è raggiungibile in pochi minuti il centro storico; allo stesso tempo è distante abbastanza da non essere nel pieno caos della città.

vicino alla tangenziale di Bologna che collega rapidamente a zone della città anche più distanti e, vicino all’autostrada . Qui si alternano epoche e stili architettonici tra ville, piccole palazzine a condomini degli Anni ’90. Le abitazioni partono da 2700 euro al mq. I prezzi al mq degli affitti  euro 11.54 al mq mensile

 

Valutare un immobile  e compro casa 
Valutare un immobile  e compro casa

TORINO  le migliori zone sono  :

Centro storico

Zona Crocetta

Cenisia e Cit Turin

Quadrilatero Romano

Borgo San Paolo :

Santa Rita  :

San Donato :

Vanchiglia e le zone semi-centrali

Salvario/Dante/Valentino

Torino

parliamo di una citta dedita alla industria meccanica : la presenza di aziende storiche legate alla produzione di autoveicoli, motori e componentistica e alla logistica,

alle editoria e a tante realta intellettuali e soprattutto industriali ,torino una citta elegante anche un po cupa una citta che coniuga mille situazioni dalla tecnologia alla stroria risalente a a 2000 anni , ma comprare casa a torino e capire la validita del investimento se conviene e una buona scelta ? vediamo :

Come valutare la validità di un investimento immobiliare ?

in alcune zone della citta vediamo che i prezzi al mq stanno scendono in contro riflesso alla situazione degli affitti che sono in continuo aumento  di domanda il tutto dovuto come e sempre alla crisi economica e alla difficoltà di eccesso al credito,

certo e’ che in alcune zone si e’ notato un forte calo degli immobili e in altre zone i prezzi sono rimasti invariati anzi sono aumentati , e una citta anche molto famosa per il POLITECNICO  istituto di eccellenza alla formazione per le professioni tecniche e scientifiche ,quindi e una citta di fabbriche ,arte ,disegnatori ,e anche fotografi.

il settore delle costruzioni e’ considerando  il momento storico di crisi e incertezza e ancora vivo.

 

Valutare un immobile  e compro casa 
Valutare un immobile  e compro casa

Torino Centro storico :

la zone del centro storico di torino e’ cara eccome i prezzi al mq delle case siamo attorno i 3500 mq e’ naturale che qui trovi tutto servizi negozi ristoranti ti trovi nel cuore della citta dove di tutto oltre che cultura ,musei teatri e i famosi portici ,la citta e molto ben collegata anche da mezzi pubblici

, muoversi in macchina e un po piu complicato anche perche i parcheggi non li trovi sotto casa  e come ho detto  e una bella zona privilegiata intellettuale ed di elite, insomma un ambiente elegante

inoltre le case nel centro storico di torino sono molto ricercate Il prezzo medio nell’area tra Carlo Emanuele II e Solferino si aggira attorno ai 2.500 € al metro quadro. L’area compresa tra Vinzaglio, Garibaldi e Castello, invece, tocca i 2.600 € al metro quadro.

Che cosa valutare per capire la validità di un investimento immobiliare ?

 

Che cosa valutare per capire la validità di un investimento immobiliare ?
Che cosa valutare per capire la validità di un investimento immobiliare ?

Torino  Zona Crocetta :

Si tratta di una zona residenziale e’ quella di Crocetta un quartiere residenziale molto importate e di prestigio e poco distante dal centro le stazioni dei treni di Porta Susa e Porta Nuova, molto ben collegata sia i mezzi pubblici che per la metro dicontro ce’ poco verde

le abitazioni e gli edifici in genere sono caratterizzati da stily liberty che risalgono al an neo gotico .

. L’area che include Corso Einaudi, Corso Duca degli Abruzzi, Corso Montevecchio e Corso Galileo Ferraris e una zona rinomatissima e importante della citta di torino .

Il prezzo medio nella zona che comprende Galileo Ferraris, De Gasperi e San Secondo ha un prezzo medio al metro quadro  ai 2.200 €. L’area tra Duca d’Aosta e Politecnico a un costo medio al metro quadro di 2.500€euro .

Torino Cenisia e Cit Turin  :

Il quartiere di Cenisia e Cit Turin  e’ una buona scelta anche perche i prezzi degli appartamenti sono inferiori  ben collegata con autobus e un poco piu in periferia della zona crocetta ,

e una zona chi viene a studiare  al politecnico e quindi visto che si tratta di una zona universitaria gli affitti sono ancora abbordabili per modo di dire posso aggirarsi attorto ai 450 euro – 550 euro il traffico veicolare in questa zona e’ inteso e ce poco verde.

Cin Turin e’ una piccola zona tranquilla pulita ed elegante si trova a ridosso del grattacielo di intesa san paolo e alle spalle troviamo il tribunale e del verde che non fai mai male.

Che cosa valutare per capire la validità di un investimento immobiliare ?

Quadrilatero Romano  :

In questa zona del quadrilatero romano vicino a via roma   e un quartiere storico di torino

e situata in zona centrale Il quadrilatero romano è situato in posizione centrale dove troviamo attivita commerciali e culturali  e  risalente al impero romano e urbanizzato dagli stessi infatti e’ ancora ben visibile l’architettura romana della Porta Palatina,

infatti la pianta del quadrilatero e’ cosi chiama appunto per un intreccio di linne ortogonali

,famosi sono i portici dove troviamo anche lussuosi bar e negosi di lusso

nella zona di via roma il prezzo medio di acquisto di un appartamento si attesta attorno ai 2600 mq

Comprare casa a Torino in zona quadrilatero ha gli stessi costi del centro storico, siamo quindi su prezzi superiori ai 2800 euro al metro quadro.

 

Borgo San Paolo :

quartiere Santa Rita a Torino, si racconta di questa zona come una delle più vivibili della città: abbastanza vicina al centro ma con dei costi sostenibili per l’acquisto delle in vendita in zona Santa Rita hanno infatti un prezzo al metro quadro di circa 1.800 euro

sia la zona santa rita che la zona san paolo e un buon quartiere  dove cercare appartamenti

inoltre troviamo il parco Ruffini che chi vuole fare sport e’ comunque una zona che a buoni collegamenti e un ex quartire operaio fiat lancia ,

il quartiere San paolo e San rita sono comunque i migliori quartieri di torino ottimi servizi e vivinaza al centro i prezzi al mq della casa di attestano attorno ai 1700 e 1900 al mq quindi i prezzi sono contenuti

Che cosa valutare per capire la validità di un investimento immobiliare ?
Che cosa valutare per capire la validità di un investimento immobiliare ?

Santa Rita

Questo quartiere si caratterizza per il fatto per essere una zona molto vivibile e una zona vicina al centro

e con dei costi per acquisto appartamenti tutto sommato contenuti e un quartiere nato nei anni 60 e non mancano attivita e’ servizi pubblici,

Nella zona sono inoltre presenti lo Stadio Olimpico , il Palasport e i parchi Rignon e Piazza d’Armi. Il costo medio al metro quadro di un’abitazione nella zona Santa Rita –è attorno ai 1.700€. 1800 al mq

San Donato :

Il quartiere San Donato a Torino e’ una zona residenziale di cui troviamo una architettura stile liberty a mista al moderno dei giorni nostro dovuta a una importate azione di riqualificazione urbana conosciuta con il nome spina 3 meglio nota come spina centro ,

comprendendo i quartieri di Borgata Vittoriana e Madonna di Campagna.  . Il quartiere è delimitato Parco Dora a nord, dal lunghissimo Corso Francia nella zona Sud. Comprare casa in zona San Donato ha un costo di 1.700 euro al metro quadro. ,inoltre troviamo  centri commerciali e negozi.

Torino Vanchiglia e le zone semi-centrali  :

E’ un quartiere che si trova al confine del centro storico di torino Negli anni più recenti la zona si è trasformata fino a diventare una delle aree più floride per l’artistica e per le attività commerciali di Torino.

Il costo medio al metro quadro nel quartiere Vanchiglia è pari a 2.200 euro   al mq si tratta di una zona dove e possibile fare dei buoni investimenti, inoltre si tratta di una zona universitaria proprio per la facilità con cui si raggiunge Palazzo Nuovo.

San Salvario/Dante/Valentino :

E’ un quartiere dove la presenza del parco del Valentino rende il quartiere San Salvario uno dei piu belli quartieri verdi della citta di torino ci sono molti locali anche etnici ,bar ristoranti ,e locali multietnici una misto di culture diverse provenienti da tutto il mondo  che si fondano con il quartiere .

Quartiere vicino alla stazione Porta Nuova e  La vicinanza alla Chiesa del Sacro Cuore e al Castello di Valentino

all’interno del parco fanno si che sia un quartiere vivibile e vicino al centro e ben servito da mezzi pubblici  ,

Il costo medio al metro quadro di un’abitazione collocata tra San Salvario, Dante e Valentino è pari circa 2.300 euro al mq.

 

Come valutare la validita' di un investimento immobiliare ?
Come valutare la validita’ di un investimento immobiliare ?

 

FIRENZE  le migliori zone sono  :

Centro – Santa Croce – San Gallo

 Fiesole

Campo di Marte

Zona Cure

Zona Marignolle – Monte Oliveto – Le Campora

Viale Michelangelo 

Lungarno Amerigo Vespucci

Santo Spirito

San Niccolò

Santa Croce e Sant’Ambrogio

Isolotto

Bobolino, Poggio Imperiale, Bandino  Pian Dei Giullari, Marignolle, Monte Oliveto, Le Campora, Santa Croce, San Gallo, zona Fiesole, Le cure e ovviamente il centro.

Arte cultura storia rendono la citta di firenze molto ambita per gli investitori immobiliari anche perche si posso ottenere delle rendire molto alte ,firenze trasmette fascino ecco perche ogni decine  di migliaia di turisti circa 8.000.000  si riversano nel capoluogo toscano in un anno  e una citta molto di diciamo speciale ricca di storia e artigianato ,dove sfoggia il meglio di del rinascimento ottocentesco ,dunque firenze risulta essere una citta dove si vive bene ma anche dove sono molto ambite abitazioni di livello piu alto,

Che cosa valutare per capire la validità di un investimento immobiliare ?

 

 

come valutare una casa
come valutare una casa

come valutare un immobile

per comprare casa nel centro di firenze devi spendere almeno dai  è necessario spendere in media 3500 euro al metro quadro.e spostandosi di poche centinaia di metri i prezzi delle case possono variare anche sensibilmente, oscillando da un minimo di 2700 euro ad un massimo di 4300 euro per metro quadro. ,

Non proprio alla portata di tutti , per gli immobili destinato al puro investimento  tra il minimo 2600 euro al metro quadro e il massimo 7 mila euro per metro quadro. I costi possono sembrare molto alti ma bisogna considerare che i centinaia di migliaia di turisti che affollano il centro storico di Firenze offrono importanti opportunità di profitto.

Firenze Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco per le sue bellezze architettoniche e con dei panorami stupendi Un appartamento con vista da cartolina  sul Lungarno, su piazza d’Azeglio o vicino alla Basilica di Santa Croce si aggira sui 4.326 €/mq per le abitazioni civili di prima fascia e intorno ai 3.334 €/mq per le abitazioni di tipo economico.

In questa splendida zona della città si trovano antiche case ricche di storia e bellezza, caratterizzate da soffitti alti, ampie metrature, statue e affreschi. Che giustificano in qualche maniera i prezzi molto alti ma di sicuro rendimento le zone piu interessanti sono  Bobolino, Poggio Imperiale, Bandino Pian Dei Giullari, Marignolle, Monte Oliveto, Le Campora, Santa Croce, San Gallo, zona Fiesole, Le cuore e ovviamente il centro.

come valutare una casa
come valutare una casa

Come valutare la validità di un investimento immobiliare ?

Poggio Imperiale e Bobolino sono posizionate nel cuore di Firenze troviamo i monumenti e più visitati d’Italia.

.Pian dei Giullari è ricco di ville e mantiene la sua immagine di cartolina d’altri tempi. In una delle sue abitazioni si narra ci fosse un teatro in cui si esibivano giullari, mimi e commedianti ,

La Villa Medicea del Poggio Imperiale,  Il giardino Boboli collegato con Palazzo Pitti e col Forte di Belvedere comprare casa qui costano molto di più rispetto ad altre zone della città.

Per acquistare un’abitazione, infatti, è necessario spendere 4000 euro al mq e natura che molto dipende dove si trova l’immobile ma in linea generale , . Ovviamente in base al posizionamento preciso dell’immobile stesso i valori possono cambiare sensibilmente, oscillando da un minimo di 2900 euro ad un massimo di 4600 euro per metro quadro.

come valutare un immobile

Sempre in queste zone Poggio Imperiale e Bobolino per quanto riguarda gli immobili ad uso investimento . Per una soluzione di questo tipo, infatti, in media si spendono 4mila euro per metro quadroma si puo anche a rrivare a 5000 euro al mq , con prezzi da un minimo di 3400 euro ad un massimo di 4600 euro per metro quadro. Inceve . Dalle parti della Gavinana, per esempio, gli appartamenti che si sviluppano tra via Paradiso e via Gualandi, risalenti per lo più agli anni ’70,

richiedono un costo che può arrivare anche a 4.000 euro al metro quadro.

Fonte agenzia delle entrate e osservatorio immobiliare italiano

come valutare un immobile

valutare un immobile e compro casa
valutare un immobile e compro casa

Zona Marignolle – Monte Oliveto – Le Campora

In queste zona apprezzata per la silenziosita’ed eleganza oltretutto e piena di giardini  parchi e verde  e un zona interessante per il valore culturale turistico infatti si trova vicino alla la chiesa di San Bartolomeo a Monte Oliveto, i prezzi delle abitazioni in questa zona della toscana si aggirano in media intorno a 3.965 €/mq per abitazioni civili e 4.776 €/mq per le ville e villini.

Zona Fiesole

Questa zona di firenze e uno dei piu bei borghi storici ed esclusivi capoluogo di tutta la citta ed e’ anche il comune piu ricco d’italia cosa da non sottovalure per gli investitori Tra le bellezze della zona, la piazza Mino da Fiesole e la cattedrale romana il Palazzo Altoviti e nelle vicinaze si trova al Teatro Romano, sede della stagione teatrale e musicale estiva Le quotazioni delle abitazioni di si aggirano intorno ai 4.326 €/mq.

come valutare una casa
come valutare una casa

Come valutare un immobile come valutare una casa

Zona Le cure

I prezzi medi in zona Le Cure vanno dai i 3.424 €/mq per gli appartamenti e 4.326 €/mq per ville e villini. La zona Le Cure è un quartiere residenziale a nord del centro storico. Storia e cultura s’intrecciano in quest’area, famosa per esser stata teatro delle indimenticabili novelle di Boccaccio. Il sottopassaggio pedonale oggi è uno dei luoghi più frequentati a Firenze per i graffiti e la Street Art. Ogni giorno nella piazza si tiene un mercato, che riempie di vita un’area signorile e carica di storia e cultura.

il Lungarno

è possibile acquistare un’abitazione, godendo anche di un panorama unico nel suo genere Per comprare una casa in questa parte di Firenze è necessario spendere in media 2900 euro  al metro quadro. Valutazioni leggermente inferiori rispetto alle zone più centrali della città. L’oscillazione dei prezzi può variare dai 2500 euro ai 3600 euro per metro quadro.

Per quanto concerne gli immobili ad uso investimento le valutazioni sono leggermente più basse rispetto al centro città. Per una soluzione di questo tipo è necessario spendere in media 3300 euro al metro quadro, con una forbice che oscilla da un minimo di 2400 euro ad una massimo di 4400 euro per metro quadro

come valutare un immobile

come valutare un immobile
come valutare un immobile

Zona Campo di Marte

 

in questa area della città è possibile trovare abitazioni per differenti livelli di spesa, si passa infatti dai 2.700  al metro quadro richiesti per appartamenti nelle palazzine anni ’70, ai villini stile liberty che possono arrivare a cifre da capogiro. Il prezzo medio al metro quadro si attesta sui 3.600 al mt quadrato.

Isolotto

la zona antistante il celebre Parco delle Cascine, il più grande parco pubblico di Firenze caratterizzata da un’alta richiesta di immobili in affitto. Soprattutto da parte di famiglie e lavoratori . Le quotazioni medie non sono troppo elevate, e richiedono una spesa che non supera i 2.000 euro al mq. Andando poi verso via via Soffiano e arrivando a via Scandicci, si possono trovare condomini di 3 o 4 piani sorti intorno agli anni ’50 e ’70 con prezzi medi che si aggirano sui 2.700 euro mentre per le vie limitrofe a via Scandicci va messa in conto una spesa di poco più contenuta che varia tra i 2.200 e i 2.300 euro.

come valutare un immobile

Sfratto per morosita appartamenti in affitto

sfratto per morosita
sfratto per morosita

Appartamenti in affitto se non pago l’affitto ?

Quanto tempo ci vuole per essere sfrattati dopo non aver pagato l’affitto di un appartamento? 

sfratto per morosita appartamenti in affitto

sfratto per morosita  Quanto tempo ci vuole per lo sfrattato se non pago l’affitto ? Appartamenti in affitto 

Partiamo da un un presupposto normale in una libera contrattazione economica ,

l’affitto di casa va pagato !! sempre e possibilmente regolarmente ,

ma purtroppo visto le condizioni economiche in Italia e la crisi economica e  per altre esigenze sopravvenute non tutti purtroppo e dico (  purtroppo perché in una paese civile Italia come quello che vogliamo dimostrare di essere e non lo siamo non dovrebbe accadere ),

posso pagare l’affitto almeno i maniera regolare e onorare al tempo stesso il contratto in essere quindi parliamo di SFRATTO.

Appartamenti in affitto sfratto per morosita

Per poter parlare   di SFRATTO dobbiamo  prima di tutto sapere cosa e’ , cosa comporta, e che conseguenze a,

per fare un riferimento più preciso  lo facciamo secondo quello che dice  il codice civile l’articolo :

Appartamenti in affitto affitto casa
Appartamenti in affitto affitto casa

Articolo 658 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Recita :

Il locatore [c.c. 1571]   (Dispositivo dell’art1571 Codice civile. La locazione è il contratto [1350 ] col quale una parte si obbliga a far godere all’altra una cosa mobile o immobile per un dato tempo [1573, 1574], verso un determinato corrispettivo [820, 1639, 1803, 2948 ; 180 disp.)        può intimare al conduttore lo sfratto con le modalità stabilite nell’articolo precedente anche in caso di mancato pagamento del canone d’affitto alle scadenze, e chiedere nello stesso atto  l’ingiunzione di pagamento  per i canoni scaduti .

Se il canone consiste in derrate , (  Termine con cui si indicano i prodotti della terra destinati all’alimentazione (si usa solitamente l’espressione “derrate alimentari”).   , il locatore deve dichiarare a norma dell’articolo 639 la somma che è disposto ad accettare in sostituzione.

Appartamenti in affitto sfratto per morosita

Ma vediamo chi sono queste figure :

abbiamo il locatore : figura della quale si impegna nei confronti del conduttore ,

a concedere in locazione e far godere un immobile per un dato tempo verso un determinato corrispettivo denominato canone.

E abbiamo il conduttore : Parte contrattuale che acquista il diritto personale di godimento del bene locato,

prendendolo in consegna ,e servendosene per l’uso pattuito nel contratto di locazione

corrispondendo il canone concordato

Canone : e’ la somma pagata dal conduttore al locatore per l’uso del bene immobile in  affitto.

Affitto : si tratta di una locazione avente per oggetto la produttività da il locazione ( azienda agricola, fondo rustico).

quindi il locatario concede in affitto una parte  produttiva al conduttore ,

con l’intento del godimento della parte produttiva stessa

e nello soddisfacimento di essa ,

al conduttore spetta il pagamento del affitto  spettano  i frutti e tutte le Utilità’ della parte produttiva.

.Lo sfratto : si tratta di una ingiunzione del locatore nei confronti del conduttore attraverso un giudice di lasciare libero l’appartamento (,appartamenti in affitto o la casa in affitto ),

Quindi la legge permette al locatore, attraverso una azione legale di intimare lo sfratto

al conduttore inadempiente ( moroso ) con lo scopo di ottenere la risoluzione del contratto,

e la condanna al conduttore di risarcire i canoni di locazione scaduti

e per quelli che sono in via di scadenza fino alla risoluzione dello stesso ..

Inoltre per ottenere la convalida dello sfratto

il locatore deve anche dare una prova certa

della sussistenza di mancati pagamenti e della morosità del conduttore.

Appartamenti in affitto affitto casa
Appartamenti in affitto affitto casa

Appartamenti in affitto sfratto per morosita

Tieni comunque presente che la legge consente un ritardo di pagamento massimo di 20 giorni alla scadenza della mensilità’, in ogni caso si può chiedere lo sfratto quando l’inquilino non paga l’affitto per 2 mensilità’ consecutive .

consecutive altro ma non meno importante e cioè se il contratto e’ registrato allora vale quello che ti ho già detto prima ,

ma se non lo e’( contratto non registrato ) allora sono casini per il proprietario di casa perché non potrà fare l’Ingiunzione di sfratto al conduttore ma dovrà procedere per via legale per occupazione abusiva.

e i tempi per mandare via l’inquilino moroso di allungano e anche di molto ma la cosa non cambia molto nemmeno anche se e’ stato  fatto un contratto regolare perché la legge consente al inquilino numerose scappatoie,

ma ti posso dire che il padrone di casa deve infatti notificare un’ulteriore intimazione

a mezzo dell’ufficiale giudiziario, il quale si dovrà recare nell’appartamento e diffidare l’inquilino a lasciare l’immobile.

Se l’inquilino non di fa trovare allora il padrone di casa ( il locatore ) di dovrà affidare al intervento della forza pubblica attraverso l’ufficiale giudiziario,

in ogni caso posso passare molti mesi e non ce’ nulla di certo .

Quindi dopo questa premessa arrivo alla domanda iniziale e cioè’, :

Quanto tempo ci vuole per essere sfrattati dopo non aver pagato l’affitto di un appartamento? 

Ti rispondo anche molti mesi non ce’ una scadenza fissa perché la legge consente al conduttore numerose scappatoie,

inoltre spetta al giudice stabilire il tempo entro cui il locatario deve lasciare l’immobile,

Il buon senso e una regola non scritta, prevedono che vengano concessi 30 o 60 giorni di tempo all’inquilino per liberare i locali e trovare un’altra sistemazione, salvo accordi o richieste diverse emerse in sede di dibattimento.

Spero che sia tutto chiaro alla prossima .!!!!!

Come affittare una casa vacanze

affitto a riscatto casa vacanze appartamenti
affitto a riscatto casa vacanze appartamenti

affitto casa vacanze appartamenti

comprare una casa per affittarla e’ un buon investimento ?

Queste una domanda molto interessante anche perché’ sono sempre i dubbi che tutti noi abbiamo ,

comprare casa non e’ uno scherzo anche perché’ la tua vita e messa in gioco da questa scelta ,

ma vediamo se davvero conviene comprare una casa per affittarla per un investimento

ti rispondo subito dipende !!!!!! e vediamo il perché’ ,

se tu per esempio ricevi una casa in donazione o un appartamento in una zona residenziale certo che conviene ,

vai comunque ad integrare in tuo reddito e soldi in più a fine mese non fanno mai male ,

perché’ ai già’ ammortizzato il costo del bene primario ( affitto a riscatto casa vacanze appartamenti ) ( la casa, o appartamento ,negozio ecc)

tuttavia dovrai fare qualche lavoro di manutenzione ordinaria e magari straordinaria e pagare le tasse

infatti i n Italia la tassazione sugli immobili e’ vergognosa siamo al 65% di tasse che paghiamo per un stato italiano fallimentare

( prima di tutto si parte dalla registrazione della locazione da parte del locatore ma entro 30 giorni della firma del contratto stesso ed entro 60 giorni comunicazione al conduttore e al amministratore del condominio, parliamo sempre di residenziale (affitto a riscatto casa vacanze appartamenti)

ma se il locatore non registra il contratto la registrazione dovrà’ essere fatta a carico del conduttore ,

affitto casa vacanze

nel caso che il contratto sia in nero l’imposta di registro spetta sia al locatario che al conduttore quindi una responsabilità’ reciproca , dal momento che si vuole affittare un immobile ci sono delle tasse da pagare e sono :

– l’imposta di registro, che grava sia sull’affittuario che     sul   proprietario e deve essere versata all’atto della registrazione del contratto di locazione
– tassa  di bollo
– l’imposta sui canoni di locazione singolarmente     percepiti dal padrone di casa.

affitto a riscatto casa vacanze appartamenti
affitto a riscatto casa vacanze appartamenti

affitto casa vacanze

Andiamo a vedere queste tasse :

l’imposta di registro  , che grava sia sull’affittuario che sul proprietario e deve essere versata all’atto della registrazione del contratto di locazione

– tassa  di bollo

– l’imposta sui canoni di locazione singolarmente percepiti dal padrone di casa.

‘imposta di registro :
e’ una imposta che deve essere pagata appena si registra un contratto di locazione  cambia a seconda della tipologia di immobile per un uso residenziale l’imposta e ‘del 2 % del canone annuo moltiplicato per il numero delle annualità , per fabbricati strumentali per natura, l’imposta di registro è pari all’1% per fondi rustici,  è pari allo 0,50% del corrispettivo annui moltiplicato per il numero delle annualità; per tutti gli altri immobili l’imposta di registro è pari al 2% del canone annuo moltiplicato per il numero delle annualità ,

affitto casa vacanze

affitto casa vacanze affitto a riscatto casa vacanze appartamenti

per fabbricati strumentali per natura, l’imposta di registro è pari all’1% per fondi rustici,  è pari allo 0,50% del corrispettivo annui moltiplicato per il numero delle annualità; per tutti gli altri immobili l’imposta di registro è pari al 2% chi si  trova in città ad alta densità abitativa e’ possibile avere una riduzione del 30% della base imponibile su cui calcolare l’imposta di  Il versamento per la prima annualità non può essere inferiore a 67 euro. Se poi l’affitto dura più anni si può decidere se pagare l’imposta di registro anno per anno (2% del canone relativo a ciascuna annualità, tenendo conto degli aumenti ISTAT), entro 30 giorni dalla scadenza della precedente annualità.
– L’imposta di bollo è pari a 16 euro ogni 4 facciate scritte del contratto e, comunque, ogni 100 righe.

L’imposta sui canoni di locazione sono il reddito percepito dal locatore del immobile e comunque devono essere dichiari alla Agenzia delle Entrate

e quindi sono tassati ai fini del irpef  il locatario può scegliere o per la  tassazione ordinaria,

Il regime fiscale ordinario prevede che l’ammontare dei canoni,  sono ridotti a forfait del 5%,ed e’ considerato reddito fondiario e quindi tassato complessivamente sul irperf ,

la tassazione ordinaria, di redditi da locazione vengono sommati a tutti gli altri redditi percepiti dal contribuente e riportati nella sua dichiarazione dei redditi ,

Le aliquote IRPEF vengono calcolate con un sistema “a scaglioni”: tanto più è alto il reddito, tanto più alta è l’aliquota e, quindi, sono maggiori le imposte da pagare.

il reddito imponibile a cui applicare gli scaglioni IRPEF vanno da un minimo del 23% fino a un massimo del 43%.

affitto a riscatto casa vacanze appartamenti

Oltre a queste, all’atto di registrazione del contratto di locazione, sono dovute anche l’imposta di registro che ammonta in genere al 2% del canone annuo, moltiplicato per le annualità del contratto; sarà dato dal maggiore tra il canone contrattuale abbattutto del 5% e la rendita catastale rivalutata rivalutata del 5% quindi la tassazioe ordinaria e’ la piu costosa ma e anche vero che ti permette di detratte molte spese da recuperare attraverso le detrazioni (spese mediche, ristrutturazioni, acquisto mobili, ecc.)

spese che non possono essere invece detratte se si sceglie l’applicazione della cedolare secca.

affitto a riscatto casa vacanze appartamenti
affitto a riscatto casa vacanze appartamenti

Nel caso di affitto di appartamento o ville dove date anche sei servizi posso immaginare a i b&b allora non si parla piu di reddito fondiario,

ma se invece state dando in locazione unità locali, appartamenti, ville erogando anche servizi accessori come la biancheria o la prima colazione

allora non si può più parlare di semplici redditi fondiari,

ma entriamo nell’ambito di applicazione del reddito d’impresa definito dall’articolo 55 del Turi e tassato con imposta Iris e IRAP per cui immaginatevi di avere una tassazione del 27,5% ai fini Iris e 4,9% ai fini IRAP.

o per la cedolare secca e un regime di tassazione che prevede l’imposta sostitutiva del IRPEF e addizionale comunale e regionali e alle imposte indirette

In particolare, la cedolare secca implica una tassazione dei canoni in misura fissa, pari al: 21%

del canone per i contratti a canone libero (quelli di durata 4+4 anni);

al 10% del canone per i contratti a canone concordato (quelli di durata 3+2 anni).

L’opzione per la cedolare secca si esercita al momento della registrazione del contratto

mediante la compilazione del quadro RLI oppure online attraverso uno dei software messi a disposizione dall’Agenzia delle.

affitto a riscatto casa vacanze appartamenti

Per i contratti detti a canone libero detto 4+4 l’IRPEF viene applicata sul 95% della somma percepita a titolo di canone di locazione.

E  in casi particolari di agevolazioni per situazioni particolari.

Il canone viene infatti ridotto del 25% per gli immobili situati a Venezia e nelle isolette limitrofe, del 35% se l’edificio è riconosciuto di interesse storico o artistico,

La scelta della cedolare secca può essere fatta solo alla prima registrazione del contratto e poi, in caso di proroga dell’affitto, entro 30 giorni dalla proroga.

Si può passare all’aliquota unica anche entro 30 giorni dalla scadenza di ciascuna.

La cedolare secca va versata in due rate, l’acconto e il saldo, con le stesse scadenze dell’IRPEF.

L’acconto è pari al 95% dell’imposta versata l’anno precedente (il primo anno di applicazione l’acconto non è dovuto),

sempre che questa sia stata superiore ai 51,65 euro.

Se l’acconto è inferiore a 257,52 euro, va pagato in un’unica soluzione entro il 30 novembre.

Nel caso sia invece superiore, si versa il 40% entro il 30 giugno e il restante 60% entro il 30 novembre.

La differenza fra l’importo dovuto già pagato e l’imposta dovuta finale la devi pagare entro il 30 giugno dell’anno successivo  a quello cui si riferisce ,Nel caso di dichiarazione dei redditi attraverso modello 730,

quello che ai pagato e i saldi ti vengono trattenuti in busta o sulla pensione , I redditi da locazione devono essere dichiarati anche se l’inquilino è moroso.

E’ però possibile smettere di versare l’IRPEF sui canoni di locazione non percepiti a condizione che la locazione sia a uso abitativo; ) ultima cosa ma non meno importante,

affitto a riscatto casa vacanze appartamenti

se compri una seconda casa, sei soggetto a pagare Imu e Tasi sulla precedente, quella cioè data in affittso, in quanto divenuta seconda casa.

Non sfuggi a tale tassazione neanche se intesti la vecchia abitazione a tua moglie (ma solo se siete in regime di separazione dei beni) o a tuo figlio:

difatti tali agevolazioni non richiedono solo il requisito della residenza all’interno dell’immobile in questione ma anche quello della dimora

. Con la conseguenza che, ad esempio, se tua moglie vive con te nella stessa casa –

come è normale che sia – il cambio di residenza nella precedente,

oltre a costituire un falso e quindi un reato – non garantisce l’agevolazione fiscale.

Chiude il cerchio la Tari, l’imposta sulla spazzatura. Per legge, sia il proprietario sia l’inquilino sono obbligati “in solido” al pagamento. Traducendo in soldoni: al Comune interessa incassare i soldi della tassa, se poi questi provengono dal proprietario o dall’inquilino, poco importa (l’importante è che venga pagata in base alla situazione abitativa). A logica, la Tari dovrebbe essere versata da chi produce i rifiuti, cioè dall’inquilino, ma niente impedisce alle parti di accordarsi diversamente.

tieni pero’ presente anche il fatto di avere una conoscenza del mercato degli affitti dalla zona dove cui vivi e’ chiaro che se abiti in una zona di pregio o in una zona di un polo studentesco e universitario e pieno di servizi e’ chiaro che i prezzi dei affitti saranno molto piu’ alti dato non secondario visto che gli affitto in queste zone rende molto di piu di un affitto classico aggiungo anche che gli affittuari sono ciclici il che vuole dire che e’ molto piu facile affittare se poi vuoi portare avanti una strategia e ai un appartamento molto grande dividilo in stanze e affitta le stanze proprio a studenti gli affitti sono sicuri anche perché questi ragazzi sono garantiti dalle proprie famiglie,( un padre e una madre vogliono il meglio per il prorio figlio .

se poi ai un immobile in zone turistiche di mare anche qui dipende ! il perche ?

dipende che zona e’ ti faccio un esempio :

affitto a riscatto casa vacanze appartamenti
affitto a riscatto casa vacanze appartamenti

un ombrellone e due sdrai in piena estate a rimini costa circa 13/15 euro in pieno agosto ,

lo stesso ombrellone e due sdrai a marina di pietra santa , forte dei marmi ,sardegna ,

costa amalfitana ,costa azzurra ,gargano ,isola di capri ,monte carlo ,tropea ,cinque terre,

non appoggi il culo se non paghi almeno 1000 euro al giorno quindi ai gia capito!

Aggiungo che nelle zone turistiche non sempre si a il tutto esaurito perche’ anche i questo caso e la legge di mercato che fa la tendenza turistiche.

affitto a riscatto casa vacanze appartamenti
affitto a riscatto casa vacanze appartamenti

se poi ai dei soldi in piu investi al mare ma non ad occhi chiusi prima di comprare fai un sondaggio prima sui prezzi di mercato dei immobili messi in affitto e poi a tappeto sul ( campo ) si amico mio di devi un po rompere il culo per fare in modo che il tuo investimento ti possa dare un reddito sicuro nel tempo e rivalutato al tempo stesso vedi nessuno e un mago del immobiliare o un professore ma si diventa studiando e stando attento a tutto anche ai piu piccoli particolari quindi occhio e affidati solo a persone preparate professioni del immobiliare e imparziali questo e molto importante.

per un investimento immobiliare andato male puo’ compromette la tua vita,la tua salute e gli affetti piu cari che ai quindi (occhio)

se poi ai dei soldi in piu da investite nelle zone di mare investi in vecchie strutture alberghiere lasciate in disuso o peggio fatiscenti perche ? le puo trasformare in stupendi b&b con costi di gestione dimezzati e un alto reddito anche in questo caso ci sono delle finezze da applicare e studiare bene la zona e il tipo di clientela che vuoi nella tua struttura in base alla localita’ turistica , ma studia anche il reddito medio ( procapite delle persone ) che anno nella zona di cui vuoi investire .

lo stesso discorso vale per la montagna

se compri casa in zone rinomate cortina ,bormio ,madonna di campiglio ,livigno ,valtellina ,valle d’aosta quindi

un immobile messo a rendita di affitto certo che conviene

,la cosa cambia se compri un immobile in localita montane depresse e senza servizi

ma la cosa cambia  ancora se per affittare quel immobile che desideri dare in affitto ai dovuto acquistarlo con i tuoi risparmi e vediamo perche ‘ :

se fai un mutuo in banca e quel mutuo ti costa solo il 20% del totale costo mutuo perche tutti i soldi

non li ai  ancora mettere a rendita un immobile conviene ma qui devi stare attento

perche’ devi conoscere molto bene i prezzi degli affitti della tua zona

cioe’ dove ai il tuo appartamento , dico molto bene perche per farti un esempio  :

se sai che se ai fatto un mutuo di cui sai che il costo del tuo mutuo e’ pari al 20 % del importo totale per una rata di 300 euro,

e gli affitti nella zona dove ai il tuo immobile vanno dai 500 euro ai 700 euro ecco

che capisci da solo che conviene ancora affittare ,

viceversa se ai fatto un mutuo e ai dovuto finanziare

80%  del capitale e il 20% avevi soldi da parte puo trovarti nella situazione ritornando al esempio .

di prima che la rata che andrai pagare del mutuo sia di 600 euro e gli affitti in quella zona vanno  dai 500 ai 700 euro

e’ facile quindi intuire che affittare non ti conviene piu anzi

saresti in rimessa perche’ dovrai anche considerare le tasse che dovrai pagare  e non solo gl iinteressi bancari .

quindi affittare conviene ? dipende ??

tieni comunque presente che comprare un immobile conviene perche’

come saprai visto la crisi economica che ci portiamo dietro dal 2007 ,

l’instabilita’ politica in media un nostro governo dura 3/4 anni e finanziaria che l’italia a se poi ci metti la poca credibilita’ internazionale la mancanza di lavoro e la dislocazione di aziende importati per la nostra economia a portato ad un abbattimento del valore degli immobili del 40 % quindi comprare conviene soprattutto per quelle persone che almeno di trovano risparmi per il 60 % e il resto e’ da finanziare, quindi oggi comprare un immobile conviene e eccome quindi se prima potevi solo permetterti solo un piccolo appartamento ora puo mettere gli occhi anche su appartamenti di pregio in zone e residenziali proprio perche la bolla immobiliare si e sgonfiata, percui questa situazione a provocato un ulteriore aumento dei prezzi degli affitti proprio perche’ e’ diminuita la liquidata economica delle famiglie sono in pochi chi compra casa oggi .

Altro dato interessante il costo di un mutuo ipotecario sono molto vantaggiosi ma sono sempre interessi che tu paghi alla banca

(attenzione la casa non e’ tua e’ della banca con una ipoteca di 1 grado )

quindi e’ un costo che devi considerare se poi vuoi affittare il tuo immobile nel affitto che andrai a percepire.

Se a tutto cio ‘ non ti o demoralizzato ma incentivato ad un acquisto a redditi di affitto sicuro

tieni d’occhio gli appartamenti che son gia affittati da anni dagli stessi inquilini

il perche? :  (perche sono sicuramente persone rispettabili e oneste te la faccio corta alla fine ti pagano e sono regolari nel canone d’affitto )

e che il proprietario a deciso di mettere in vendita perche ? eviti di perdere tempo in ricerche di affittuari e percepisci subito un reddito puo anche considerare se ai qualche soldino in piu come ho gia accennato di prendere un immobile un appartamento,

magari da ristrutturare  vanno molto i mono o bilocale ma in una zona interessante e ristrutturarlo tendo sempre sotto controllo i costi di ristrutturazione con un bel look sobrio non eccessivo ma gradevole altra notizia che ti voglio dare soprattutto nelle grandi citta non sottovalutare l’acquisto di box auto al coperto e locali e magazzini che posso essere divisi in spazi e affittati singolarmente e un ottimo affare,

spero di esserti stato chiaro alla prossima .!!!!